Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 2 visitatori collegati.

Prossimi Eventi

I più Visti

Ultime Recensioni

  • Copertina
    XENOS
    The Dawn Of Ares
  • Copertina
    LINISTIT
    Evil Arises
  • Copertina
    THE SPLITHEADS
    New King
  • Copertina
    NEXUS OPERA
    La Guerra Granda - The great calls to arms
  • Copertina
    ABYSSIAN
    Godly
  • Copertina
    NOT MOVING
    Live In The Eighties
Copertina
XENOS
The Dawn Of Ares
Copertina
LINISTIT
Evil Arises
Copertina
THE SPLITHEADS
New King
Copertina
NEXUS OPERA
La Guerra Granda - The great calls to arms
Copertina
ABYSSIAN
Godly
Copertina
NOT MOVING
Live In The Eighties
Recensione

Embroider

TAILOR'S WAVE - Embroider

(2021 - Autoprodotto)

voto:

Progetto di studio nato sul finire dello scorso anno quello dei Tailor's Wave, composto dal polistrumentista Samuele Sarti (Thee Outlaw/Thorobred's) e Rik Forsenna (Tombstone). Dalla loro collaborazione nasce questo 'Embroider', cd composto da 8 canzoni abbastanza particolari che si muovono su sentieri di un metal rock cupo e in parte influenzato dalla NWOBHM più oscura. 

Recensione

End Time Doom

ECATONIA - End Time Doom

(2021 - Autoprodotto)

voto:

Passati giusto un anno fa da queste pagine virtuali, con l'Ep 'From The Oracles', i molisani Ecatonia, con nostro colpevole ritardo (il materiale ci era arrivato a marzo), si riaffacciano a noi con 'End Time Doom', terzo ep dal 2019, composto da cinque tracce più l'outro strumentale, che affinano in modo quasi definitivo lo stile della band.

Tra slanci black, fraseggi metal, ritmiche doom i ragazzi, che rilasciarono la prima demo nell'ormai lontano 1996 per poi sparire nell'oblio, adesso si presentano maturi per sprigionare la loro minacciosa area funerea in un full-lenght che spero veda la luce dalle tenebre a breve.

Recensione

II

BENTHOS - II

(2021 - Eclipse Records)

voto:





Si vanno ad inserire prepotentemente e con una certa personalità nella scia dei vari Tool, Opeth, ma anche Amorphis ed A Perfect Circle.

Si sono formati nel 2018 e gli studi affrontati al Conservatorio hanno dato i loro frutti, perchè oltre allo spaziare entro i limiti tracciati dalle band innanzi citate, riescono a toccare sonorità più lievi ed eteree ereditando a piene mani la lezione indicata a suo tempo da un gruppo come i Porcupine Tree (la strumentale "Facing The Deep" ne è la riprova materiale).

Recensione

Gore Weed Distortion

VILEMASS - Gore Weed Distortion

(2021 - Cult Of Parthenope)

voto:

Non si dovrebbe giudicare un libro dalla copertina, eppure io non di rado mi ritrovo a comprare un CD se l'artwork e il titolo mi innescano una visione. Il dischiudersi alla mente di un universo in cui immergermi e possibilmente perdermi. Sulla base di questo criterio probabilmente sarei passato oltre questa release. Facendo una grossa cazzata. Quindi come si suol dire: date retta ad un cretino e fate vostro questo lavoro.

Con perizia tecnica, ma, senza alcun abuso puramente dimostrativo, i Vilemass cavalcano quella particolare linea di confine che li sottrae dall'essere alfieri-clone di una corrente ben precisa di un sottogenere di metal estremo.

Recensione

Always Together

TOTAL RECALL - Always Together

(2021 - 1054 Records)

voto:

I Total Recall si sono formati nel marzo del 2019, la band è composta da musicisti con esperienza ventennale nella scena Metal Hardcore.

Recensione

Black Hysteria

TENEBRAE OBORIUNTUR - Black Hysteria

(2020 - Hidden Marly Production)

voto:





Per i non più giovanissimi (come me ovviamente!!!), il nome Tenebrae Oboriuntur rappresenta un tuffo in un meraviglioso passato, quello di metà anni ’90, nel quale tante realtà nere emergevano, non solo dalle fredde lande scandinave, ma anche dagli angoli più disparati e DISPERATI, del nostro malsano Stivale.

Proprio in quel periodo i figli della Puglia diedero alle stampe il 3 tks “Waiting For Satan’s Rising”, che purtroppo ho smarrito (diciamo così) nel corso degli anni, ma che, ogni volta che veniva passato nel mio programma radio, riscuoteva sempre apprezzamenti…

Recensione

Waiting For Tomorrow

DR. SCHAFAUSEN - Waiting For Tomorrow

(2021 - Sliptrick Records)

voto:





Dalla mente del Dottor Pagnacco viene partorita questa opera a dir poco oscura ed intricata, dove la musica mette in risalto l'intenzione narrante dell'autore in relazione alla propria visione distopica della realtà. Le strutture dei pezzi incarnano quindi questa percezione negativa della concretezza del mondo, della sua reale effetività, il Vero visto in ordine ad un futuro immaginario ma collegato strettamente, a maglie chiuse ermeticamente, ad una prospettiva del presente altamente pessimistica.

Recensione

Riahpstvrt

RIAH/POSTVORTA - Riahpstvrt

(2021 - Moment Of Collapse Records, Shove Records, Fresh Outbreak Records, Trepanation Recordings )

voto:

 

Che tutti abbiamo fatto i conti con il freno che la pandemia ha messo alle nostre vite, in modi diversi e in maniera più o meno intensa, è ormai scontato. Il settore che probabilmente ha sofferto le limitazioni e le restrizioni di isolamento e il lockdown più di altri è stato quello artistico, privato del suo pubblico in nome della sicurezza e del benessere comune. 

Recensione

Angeist

ANGUIS DEI - Angeist

(2021 - Drakkar Production)

voto:





I blackster giapponesi Anguis Dei annoverano in formazione.l'italianissimo il batterista degli Adversam, e sono dediti a un black metal dai tempi serrati ma molto melodici.

L'opener 'Bortenfor Grensen' ha i toni lenti e malinconici, caratterizzati dalla voce favolosa di Adeptus U., che svaria da acuti pazzeschi allo scream più viscerale. Subito si nota la bravura dei musicisti, di molto al di sopra dello standard black.

L'unica pecca è un po' la registrazione, i suoni sono voluti ma secondo me una produzione più moderna e possente avrebbe reso meglio le fantastiche parti strumentali. 

Recensione

The Dead City

FRUSTRATION - The Dead City

(2021 - Nova Era Records)

voto:

Marci, così li definì nel lontano 2014 il nostro ex redattore per la recensione di 'Humanity Through The Madness' e confermo che a distanza di 7 anni ascoltando il nuovo 'The Dead City', il marciume è ancora bello vivido. Tralasciando le varie difficoltà di formazione parliamo di questo Album che in 8 tracce ci offre heavy metal, punk, stoner e qualcosa di doom a essere pignoli, il tutto con quella carica strafottente che ben si addice a certe sonorità.

Counter

  • Site Counter: 2,857,260
  • Visitatori Unici: 153,611
  • Published Nodes: 7,806
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed