Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 6 visitatori collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    PACINO
    Fallen America
  • Copertina
    CELEB CAR CRASH
    CCCover
  • Copertina
    CRYING STEEL
    Stay Steel
  • Copertina
    HEAVENBLAST
    Stamina
  • Copertina
    IN-SIDE
    Out-Side
  • Copertina
    GRIND ZERO
    Concealed In The Shadow
Copertina
PACINO
Fallen America
Copertina
CELEB CAR CRASH
CCCover
Copertina
CRYING STEEL
Stay Steel
Copertina
HEAVENBLAST
Stamina
Copertina
IN-SIDE
Out-Side
Copertina
GRIND ZERO
Concealed In The Shadow

Recensione

Rock'n'Roll Monsters

DIRTY ROCKERS - Rock'n'Roll Monsters

(2010 - Controtempo Produzioni)

voto: 6/10

I mostri Rock'n'Roll. No ,tranquilli, non stiamo parlando di un film dell'orrore degli anni 50. Più semplicemente ci accingiamo ad ascoltare il lavoro della band toscana dei Dirty Rockers.

Recensione

Feed on Me

hYPNOTIC hYSTERIA - Feed on Me

(2010 - Autoprodotto)

voto: 7/10

Gli Hypnotic Hysteria sono un quartetto proveniente da Bergamo, composto da: Ale/voce, Tiz/basso, Gabri/batteria, Dowi/chitarra; dedito a quello che possiamo certamente definire, per summa caratteriale, un post-grunge.
"Feed on Me" è un lavoro concepito in sette traccie dalla durata complessiva di 37 minuti circa, nei quali i Nostri mostrano, a pieno regime, l’amore e la dedizione incondizionata verso l’intera fenomenologia rock statunitense. I richiami ai mostri sacri della suddetta scena sono chiari e nettamente evidenti.

Articolo

Il cretino su Italia di Metallo non colpisce più!

Ultima puntata, non si può più votare le recensioni, così il nostro simpatico amico sarà senza lavoro, a breve daremo di nuovo la possibilità di farlo e di commentare gli album solo a utenti registrati, così evitiamo questi squallidi personaggi!

Aggiornamento, evidentemente prendersi del cretino pubblicamente senza che però si possa fare il suo nome lo rende libero di proseguire, allora ti dico solo questo arriveremo a capire veramente chi sei, le tracce le lasci e dopo ti sputtano in pubblico, specialmente se come penso sei chi dico io.. fai pena!

Recensione

Ice & Knives

UTOPIA - Ice & Knives

(2010 - Anteo Records)

voto: 10/10

Quando ho ricevuto fra le mani il disco degli UTOPIA “Ice & Knives” sono rimasto molto sorpreso !!
Il quintetto della capitale colpisce subito per le raffinate melodie e gli intrecci funambolici tipici di un progressive metal D.O.C. ma con interventi molto frequenti che spaziano dalla fusion di guitar hero come BretGarsed e Greg Howe al funk di Stevie Wonder passando per il thrash metal di vecchio stampo.Tempi dispari, chitarre aggressive e molto potenti nelle ritmiche, doppio pedale, melodia allo stato puro e una tecnica notevolissima, quasi estrema, negli assoli e nelle parti strumentali, molto presenti in tutto il disco ma mai fini a se stesse, che lasciano sempre attento l’ascoltatore.

Articolo

Una considerazione sui musicisti... di Elisabetta Filippini

Sento spesso discutere i musicisti di alcuni argomenti comuni a tutti coloro che vogliono fare della musica una passione ...o qualcosa di più.
Le critiche sono le più disparate e spesso rivolte al panorama musicale italiano, ai gestori dei locali e alle capacità tecniche dei musicisti stessi, di qualsiasi livello.
Non vorrei soffermarmi troppo sull'analisi di questi aspetti, perchè poco producente.

Live Report

Vains of Jenna + Pollution + Sleepwalkers

13 Giugno 2010

Kikapoo-Tuoro sul Trasimeno (PG)

Scongiurato il pericolo pioggia e con una temperatura adattissima ad un evento all'aperto mi ritrovo a distanza di poco tempo al Kikapoo di Tuoro, per una serata all'insegna del rock stradaiolo in compagnia di Pollution e Vains of Jenna reduci dalla serata precedente in quel di Verona. Pubblico abbastanza numeroso considerando che è comunque domenica sera e che la media (non finirò mai di dirlo) si va sempre più assottigliando rendendo ormail il metal-rocker più un fan da tastiera che non da eventi.

DSC05559 DSC05560 DSC05561 DSC05564
Recensione

Progress of Civil Annihilation

TSUBO/AGATHOCLES - Progress of Civil Annihilation

(2009 - Varie Labels)

voto: 7.5/10

Tornano con questo 7" split (con i belgi Agathocles che ovviamente non recensisco) gli TSUBO, tre brani nel classico sound della band pontina, quel Psychotic Adrenalinic Grind che tanto ci piace. Direi che in questi tre nuovi brani c'è anche un accenno di "melodia" che non guasta. I testi sono sempre di qualità, su tutti direi che spicca "Nebbia", ma "La Fila" direi che rispecchia molto ciò che ci accade ogni giorno.. Devastante come al solito la sezione ritmica di Demo e Gux, mentre Fasano e Giorgioni scaricano la violenza sulle loro asce riffeggiando senza soluzione di continuità ma, come accennavo prima, lasciando anche qualche traccia di melodia.

Recensione

Nemesi Eterna Pt.1

EDENFORCE - Nemesi Eterna Pt.1

(2010 - Suoneria Mediterranea)

voto: 7.5/10

Formatisi nel 2006 gli Edenforce si presentano all'esordio (credo dopo un demo precedente) con questo EP di quattro brani abbastanza interessanti, se non altro per il cantato in italiano, cosa che apprezzo e che in questo caso è riuscito alla perfezione. L'EP è praticamente un concept che farà da apripista al futuro album in uscita dal solo titolo "Nemesi Eterna".

Recensione

The Right Choices

AS WE DIE - The Right Choices

(2010 - SG Records)

voto: 5/10

“The right choices” è il lavoro dei bergamaschi As we die. Lavoro che nasce nel 2007 come auto-produzione, e che oggi, 2010, viene rilasciato dalla Label SG Records.
L’Ep è composto da 6 tracce che posseggono un sound robusto, pesante, incalzante ma “purtroppo” troppo melodico e mieloso soprattutto per quanto riguardo il cantato.

Recensione

Carved

CARVED - Carved

(2009 - Autoprodotto)

voto: 7/10

In giro dal 2007 i Carved hanno già fatto parlare molto di sè, non ultimo il loro tour europeo al seguito dei Necrodeath che li ha portati in vari paesi europei appunto. In sede live sono già conosciuti quindi ed arrivano a questo ep di pre-produzione di un prossimo album ben rodati! Diciamolo subito, il loro death metal melodico è quanto di meglio sentito in ambito nazionale negli ultimi tempi. Già dalla prima "Enter the Silence" si può notare la discreta originalità che li contraddistingue dalla massa dei cloni delle classiche band scandinave, e si notano ampiamente le ottime qualità dei musicisti.

Counter

  • Site Counter: 1,736,978
  • Visitatori Unici: 109,959
  • Published Nodes: 5,858
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed