Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    DEMETRA SINE DIE
    Post Glacial Rebound
  • Copertina
    LADY REAPER
    Mise En Abyme
  • Copertina
    TEZZA F.
    A Shelter From Existence
  • Copertina
    HOLY SHIRE
    The Legendary Sheperds Of The Forest
  • Copertina
    HERUKA
    Deception's End
  • Copertina
    WATERSHAPE
    Perceptions
Copertina
DEMETRA SINE DIE
Post Glacial Rebound
Copertina
LADY REAPER
Mise En Abyme
Copertina
TEZZA F.
A Shelter From Existence
Copertina
HOLY SHIRE
The Legendary Sheperds Of The Forest
Copertina
HERUKA
Deception's End
Copertina
WATERSHAPE
Perceptions

Recensione

Deus

OSSIMORO - Deus

(2010 - SG Records)

voto: 7.5/10

Nati nel 2002, i romani Ossimoro hanno appena rilasciato il loro secondo album, 'Deus', che fa seguito a 'Corvi nel cielo spento' (2007), lavoro che ha avuto un buon riscontro sia da parte del pubblico che della critica. Stilisticamente propongono un hard rock psichedelico con qualche venatura stoner, il tutto cantato in italiano, scelta tanto suggestiva quanto piuttosto coraggiosa al giorno d'oggi.

Articolo

Il metal è un'esclusiva?

Titolo provocatorio il mio, poi vedremo perchè, intanto ringrazio tutti coloro che ci seguono assiduamente abbiamo uno zoccolo duro di 50/60 persone al giorno con picchi di 100 e passa il che vuol dire che la nostra nuova versione piace e non poco, grazie di cuore!

Recensione

My First Word

SIN OF LOT - My First Word

(2008 - Autoprodotto)

voto: 7/10

I liguri Sin of Lost, presentano questo "My First World" come concentrato delle proprie fatiche musicali.
Un ottimo lavoro, che si muove nel proverbiale hardcore come stile primario della band, ma con un mix di generi e di idee, che rappresenta il vero valore aggiunto di questi quattro brani.
"Everything is Wrong", dimostra quanta influenza svedese ci sia in questo sound, tagliente, veloce, feroce.... tipico di gruppi come At the Gates e Lamb of God, una sessione ritmica perfetta, impreziosita da una prestazione vocale davvero sopra le righe.

Recensione

Rising To The Call

STRANA OFFICINA - Rising To The Call

(2010 - My Graveyard Productions)

voto: 9/10

Quando un gruppo che ha fatto storia da alle stampe un nuovo disco dopo anni ed anni di inattività, la situazione si presenta sempre come un'arma a doppio taglio. In qualità di fan, da un lato speri in un nuovo capolavoro, come se il tempo non fosse mai passato; dall'altro temi che ciò che esca non sia all'altezza del passato, e possa offuscare un nome glorioso (e di reunion fallite è piena la storia). Se poi, oltretutto, ti trovi a dover recensire il lavoro in questione, prima di esprimere anche la più insignificante opinione ci vai con i piedi di piombo, e per paura di trarre conclusioni affrettate- sia in positivo che in negativo- ascolti ogni singola nota un migliaio di volte.

Recensione

Main Frame Collapse

SCHIZO - Main Frame Collapse

(1989 - Flying/Crime Records)

voto: 8.5/10

Correva l'anno 1989 quando gli Schizo irrompevano sulle scene musicali del Belpaese con il loro disco di debutto, Main Frame Collapse, che all'epoca passò quasi inosservato o, peggio, fu snobbato dai "benpensanti", mentre oggi viene osannato come disco "storico", "seminale", "antesignano" e chi più ne ha più ne metta. Senza ricorrere a tali iperboli, si può senz'altro dire che trattasi di un album con cui il quartetto catanese stava, forse inconsapevolmente, anticipando i tempi, propugnando un genere che allora praticamente non esisteva, almeno alle nostre latitudini, ossia un brutale incrocio fra thrash, death metal e hardcore.

Recensione

WildRoads-EP

WILDROADS - WildRoads-EP

(2010 - Autoprodotto)

voto: 8/10

Fare la recensione di questo esordio ufficiale dei Wild Roads non è per me cosa facile per svariati motivi. In primis l'amicizia che mi lega al fondatore della band Nik Capitini (anche collaboratore e recensore di Italia di Metallo), e in seconda battuta per il rischio che la gente pensi che ne parlo bene automaticamente. Come al solito invece la mia recensione si basa su ciò che ascolto e non su ciò che mi circonda e sarò il più obiettivo possibile, poi giudicherete voi ascoltando i brani già sul my space della band, o vedendoli nei loro infuocati live, e leggendo le altre recensioni che arriveranno.

Recensione

Lost in the Darkness

SAVIOR FROM ANGER - Lost in the Darkness

(2009 - Rock It Up Records)

voto: 8/10

Diamo il benvenuto su Italia Di Metallo ai campani Savior From Anger, power/heavy metal band formatasi nel 2006, i quali giungono dopo un demo del 2006 e uno split album del 2007, al proprio esordio sul mercato discografico con il lavoro in studio: "Lost in the darkness".

Come sempre, volume a manetta e via con l'ascolto!!

Si parte subito alla grande con il brano "Claustrophobia", breve intro, ed ecco che esplode il pezzo, carico e potente al punto giusto, ottimi i riff e l'arrangiamento.

Recensione

Buena Suerte

PINO SCOTTO - Buena Suerte

(2010 - Valery Records)

voto: 9.5/10

Di Pino Scotto ormai conosciamo tutto, dalla sua storia musicale alla sua vita passando per la sua presenza televisiva a Rock Tv, di lui vi ho parlato nelle precedenti recensioni di "Datevi Fuoco" e del Dvd "Outlaw.." , quindi c'è poco da spiegare chi è e chi non è , cosa è stato e cosa è nel mondo metal rock italiano.

Recensione

White Shiver EP

WHITE SHIVER - White Shiver EP

(2009 - Autoprodotto)

voto: 6/10

Attivi da poco più di un anno i genovesi White Shiver esordiscono con questo ep di rock americano con lievi venature grunge, la giovane età del combo fa apparire il tutto come un pò prematuro ad un primo ascolto. Dopo ripetuti ascolti invece l'ep si fa apprezzare, a partire dalla voce sporca del cantante Jeremy Sanna, una nota positiva per il genere, anche per la discreta pronuncia dell'inglese. Il pezzo che più ho apprezzato è "Motherfuckers", credo che continuando su questa strada potranno arrivare abbastanza lontani, su "Someone to Blame" c'è un bel solo del chitarrista Riccardo Sartirana, sostenuto dalla ritmica di Francesco Lanzoni.

Recensione

Incubhate

Counter

  • Site Counter: 1,849,100
  • Visitatori Unici: 117,550
  • Published Nodes: 5,683
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed