Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 2 visitatori collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    AKROTERION
    Decay of Civilization
  • Copertina
    DEMETRA SINE DIE
    Post Glacial Rebound
  • Copertina
    LADY REAPER
    Mise En Abyme
  • Copertina
    TEZZA F.
    A Shelter From Existence
  • Copertina
    HOLY SHIRE
    The Legendary Sheperds Of The Forest
  • Copertina
    HERUKA
    Deception's End
Copertina
AKROTERION
Decay of Civilization
Copertina
DEMETRA SINE DIE
Post Glacial Rebound
Copertina
LADY REAPER
Mise En Abyme
Copertina
TEZZA F.
A Shelter From Existence
Copertina
HOLY SHIRE
The Legendary Sheperds Of The Forest
Copertina
HERUKA
Deception's End

Recensione

Incubhate

Recensione

Lethal Noise of Violence

MEGAHERA - Lethal Noise of Violence

(2009 - Autoprodotto)

voto: 8/10

Finalmente ecco un mini-cd che farà felici i nostalgici degli anni '80, ebbene sì, i sardi Megahera sembrano usciti dai magici giorni della NWOBHM e dai primi vagiti del Thrash che tanto deliziarono noi 40 enni all'epoca. La cosa entusiasmente è che loro a quei tempi non erano probabilmente neanche nati, ma forti dosi di ascolto musicale dei generi suddetti, nel non lontano 2008 hanno dato la nascita ad una band di cui sentiremo molto parlare in futuro tra i metaller più ortodossi!

Recensione

Massacro

TRINAKRIUS - Massacro

(2010 - Jolly Roger Records)

voto: 9/10




'Massacro' è una sorta di regalo che i palermitani Trinakrius, in collaborazione con la Jolly Roger Records, hanno deciso di dare alle stampe per festeggiare i 15 anni trascorsi dalla fondazione della band; si tratta infatti di una raccolta contenente tutti i brani cantati in italiano incisi fino ad adesso, compresi quelli apparsi sulle demo.

Recensione

Sin Symphony

JOHN DOE - Sin Symphony

(2010 - Autoprodotto)

voto: 6.5/10

It's only rock ‘n roll (but i like it) recita una famosa canzone degli Stones…lo dico spesso ( e forse lo avrò scritto già da qualche altra parte) ma questa è proprio la frase appropriata per aprire questa recensione.

 

Recensione

Mutation

IMPALED BITCH - Mutation

(2009 - Autoprodotto)

voto: 7/10


Gli Impaled Bitch nascono nel 2008 a Vibo Valentia, per mano di SoSo (chitarra e voce) e Il Brutal (basso e voce), entrambi ansiosi di proiettare tutto il marcio del mondo circostante all'interno di una musica ancora più marcia, a cavallo tra brutal death e grindcore. La difficoltà relativa alla ricerca di un batterista è stata aggirata grazie all'utilizzo di una drum-machine, il che ha permesso a questa band di dare alle stampe ben tre album nel giro di un anno.

Rocker del Mese

Rowena

Aprile 2010

Recensione

Teatro Elementale

IN TORMENTATA QUIETE - Teatro Elementale

(2009 - My Kingdom Music)

voto: 9/10

Devo cerca una alternativa al Gods Of Metal. Devo assolutamente. Mi manca un po' di sano e vecchio metal, fatto di muscoli, sudore, sangue e elettricità. Che dire, un anno di speranze e, puff, la Live decide di dare una bella frullata alle nostre scommesse su chi potrà o non potrà farci passare una bella due-tre giorni di sano e buon pogo, sudati ma contenti in una qualche arena italica. Non che il bill non presenti gemme, solo che farò passo.

Recensione

Blades And Rods

Recensione

In the House of Liv

MG66 - In the House of Liv

(2008 - UK Division/Alkemist Fanatix)

voto: 9/10

Spaccano , spaccano il culo (che in dialetto toscano vuol dire che hanno proprio il sound giusto!) ... questi MG66 , un gruppo trentino che si definisce thrash'n roll , un genere abbastanza azzeccato direi , in particolare si tratta di thrash suonato con un attitudine molto hard rock. Il gruppo mi ha ricordato positivamente, soprattutto per quanto riguarda la voce, i nostrani Rebel Devil.

Recensione

Merciful Bullets

THREE PIGS TRIP - Merciful Bullets

(2010 - Hot Steel Records)

voto: 7.5/10

Nati come Master Dick (nome non proprio geniale) e poi diventati Three Pigs Trip (moniker più carino), questi sei ragazzi di Olbia esordiscono con un mini CD di sei pezzi per la Hot Steel Records (www.hotsteelrecords.com, www.myspace.com/hotsteelr...). Riff quadrati, ritmi muscolari e caratterizzati da un ampio uso di percussioni tribali, voce grintosa al punto giusto e una spruzzata di psichedelia acida qua e là: queste le componenti di Merciful Bullets, come si evince da "Came to Disappear" e "Panic Insect", veri e propri tributi a Kyuss, Unida e Queens of the Stone Age, la seconda decisamente tribale e trascinante, con un finale strumentale che strizza l'occhio al funk.

Counter

  • Site Counter: 1,849,202
  • Visitatori Unici: 117,576
  • Published Nodes: 5,690
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed