Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    GABRIELE BELLINI
    2018 - D.C. "Definitive Collection"
  • Copertina
    PRINCESS
    Princess
  • Copertina
    VOLAND
    Voland 2
  • Copertina
    AFTERLIFE SYMPHONY
    Lympha
  • Copertina
    MARY BRAIN
    Light After Dark
  • Copertina
    SUPERNAUGHTY
    Vol.1
Copertina
GABRIELE BELLINI
2018 - D.C. "Definitive Collection"
Copertina
PRINCESS
Princess
Copertina
VOLAND
Voland 2
Copertina
AFTERLIFE SYMPHONY
Lympha
Copertina
MARY BRAIN
Light After Dark
Copertina
SUPERNAUGHTY
Vol.1

Recensione

After Midnight

BLOODSHED - After Midnight

(2009 - Autoprodotto)

voto: 6.5/10

I sardi, da Ozieri e Sassari più precisamente, Bloodshed sono a mio parere un gruppo veramente curioso, e ciò per vari motivi. Il primo dei quali riguarda il nome che si sono scelti, che ad alcuni potrebbero forse farli apparire come una putrida realtà black/death metal sulla scia dei vari Bestial Warlust, Conqueror et similia, come fra l’altro ipotizzai dalla loro scheda presente su Metal-Archives, con scritto proprio il (sotto)-genere sopraccitato.

Live Report

Beata Beatrix

01 Gennaio 2010

Jungle Music Safari

Rocker del Mese

DarkLady

Gennaio 2010

Recensione

Redux (EP)

ARTIFEX - Redux (EP)

(2009 - Autoprodotto)

voto: 8/10

Gli artifex sono una band industrial  dai suoni molto particolari : chitarre molto distorte (distorsioni differenti anche all'interno delle stesse canzoni),tematiche psicologiche industrial, un po' di musicalità hard rock e una preparazione tecnica invidiabile. La voce posta in Sottofondo possiede quel tocco artistico azzeccato ; Gli assoli sono ottimi e ben eseguiti,così come le altre parti strumentali.

Recensione

12th Level

SCALA MERCALLI - 12th Level

(2009 - SG Records)

voto: 9/10

CAPOLAVORO!!!! la SG Records riesuma “12th Level” il primo album degli Scala Mercalli , storica speed metal band marchigiana dai forti connotati eighties (attiva sin dal 1992), mettendo a disposizione di tutti i  metallers un’autentica perla. Questo splendido album trascina l’ascoltatore da subito, in un mondo fatto di chitarre infuocate e ritmiche serratissime, si parte fortissimo con “Scream for Revenge”, chitarre e batteria in stile Thrash con un cantato sublime (dal registro esteso) e cambi di tempo mai banali...gran pezzo insomma!!!

Recensione

Ravenscry

RAVENSCRY - Ravenscry

(2009 - Autoprodotto)

voto: 8.5/10

 

talènto [ta'lɛnto]

s.m.

1 sm

{storia} nell'antica Grecia, unità di misura di peso e moneta di valore diverso secondo i luoghi e i tempi

2 sm

desiderio; volontà; disposizione, inclinazione dell'animo

3 sm

grande ingegno; genialità

 

Dopo aver ascoltato i RAVENSCRY la definizione di talento, almeno a livello musicale, mi è molto più chiara!!!

Va subito detto che questo quintetto formato da quattro ragazzi Milanesi e da una bella fanciulla Romana, merita un encomio per la produzione e per la professionalità con cui ha registrato questo EP, che è un estratto da un prossimo album composto da 12 canzoni.

Recensione

UNDERWORLD

GREAT MASTER - UNDERWORLD

(2009 - Undergrou Symphony)

voto: 6.5/10

 

Sciogliamo subito ogni dubbio : i Great Master (a dispetto del nome spocchioso) sanno suonare!!!

E si, suonano e di brutto e permettetemi, non è per niente scontato che una band che arriva al debut album sappia suonare in modo così potente e coeso.

Questo è già un punto a favore della band di “Underworld”, che si inserisce nella corsia del Power/Epic metal a 360 gradi, attingendo ora ai maestri tedeschi (Helloween, Gamma Ray, Blind Guardian) ora agli inglesi Dragonforce...passando per i Manowar (maestri indiscussi delle saghe epiche).

Recensione

Horrorchy

SUPERHORRORFUCK - Horrorchy

(2008 - Bubble Blood Records)

voto: 7/10



I Superhorrorfuck provengono da Verona e si autodefiniscono horror glam punk; tra le principali fonti di ispirazione sono citati Wedsneday 13 e i suoi Frankestein Drag Queens From Planet 13.

Recensione

390 B. C. - The Glorious Dawn

Articolo

Roll the Bone-BUD TRIBE Disco dell'anno 2009 per la redazione di Italia di Metallo

Ecco i preferiti della redazione, in base a questo l'ordine dei più votati è:

1) Bud Tribe -Roll the Bone voti 7

2)Bulldozer-Unexpected Fate voti 5

2)White Skull-Forever Fight voti 5

 

 

 

Klaus Petrovic:

1)Bulldozer-Unexpected Fate

2)Ecnephias-Haereticus

3)White Skull-Forever Fight

4)Markonee-See The Thunder

5)Blood Thyrsty Demons-Occultum Lapidem

 

Dario Iocca:

1) Zu - Carboniferous

2) Omega Flare - A Clockwarp Machinery

3) Azure Agony - Beyond Belief

Theo Mule:

1)Subhuman-Profondo Rozzo

2)Empyrios-The Glorious Sickness

3)Fleshgod Apocalipse -Oracles

 

Counter

  • Site Counter: 1,842,035
  • Visitatori Unici: 116,880
  • Published Nodes: 5,779
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed