Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 3 visitatori collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    BARAD GULDUR
    Frammenti Di Oscurità
  • Copertina
    ETERNAL SUFFERING
    Beyond The Threshold Of Twilight
  • Copertina
    DANGER ZONE
    Don't Count On Heroes
  • Copertina
    SPELLS OF MISERY
    Wretched Doom Above
  • Copertina
    NIGHTGLOW
    Rage Of Bleeding Society
  • Copertina
    MALAURIU / FORDOMTH
    Twin Serpent Dawn
Copertina
BARAD GULDUR
Frammenti Di Oscurità
Copertina
ETERNAL SUFFERING
Beyond The Threshold Of Twilight
Copertina
DANGER ZONE
Don't Count On Heroes
Copertina
SPELLS OF MISERY
Wretched Doom Above
Copertina
NIGHTGLOW
Rage Of Bleeding Society
Copertina
MALAURIU / FORDOMTH
Twin Serpent Dawn

Recensione

Buena Suerte

PINO SCOTTO - Buena Suerte

(2010 - Valery Records)

voto: 9.5/10

Di Pino Scotto ormai conosciamo tutto, dalla sua storia musicale alla sua vita passando per la sua presenza televisiva a Rock Tv, di lui vi ho parlato nelle precedenti recensioni di "Datevi Fuoco" e del Dvd "Outlaw.." , quindi c'è poco da spiegare chi è e chi non è , cosa è stato e cosa è nel mondo metal rock italiano.

Recensione

White Shiver EP

WHITE SHIVER - White Shiver EP

(2009 - Autoprodotto)

voto: 6/10

Attivi da poco più di un anno i genovesi White Shiver esordiscono con questo ep di rock americano con lievi venature grunge, la giovane età del combo fa apparire il tutto come un pò prematuro ad un primo ascolto. Dopo ripetuti ascolti invece l'ep si fa apprezzare, a partire dalla voce sporca del cantante Jeremy Sanna, una nota positiva per il genere, anche per la discreta pronuncia dell'inglese. Il pezzo che più ho apprezzato è "Motherfuckers", credo che continuando su questa strada potranno arrivare abbastanza lontani, su "Someone to Blame" c'è un bel solo del chitarrista Riccardo Sartirana, sostenuto dalla ritmica di Francesco Lanzoni.

Recensione

Incubhate

Recensione

Lethal Noise of Violence

MEGAHERA - Lethal Noise of Violence

(2009 - Autoprodotto)

voto: 8/10

Finalmente ecco un mini-cd che farà felici i nostalgici degli anni '80, ebbene sì, i sardi Megahera sembrano usciti dai magici giorni della NWOBHM e dai primi vagiti del Thrash che tanto deliziarono noi 40 enni all'epoca. La cosa entusiasmente è che loro a quei tempi non erano probabilmente neanche nati, ma forti dosi di ascolto musicale dei generi suddetti, nel non lontano 2008 hanno dato la nascita ad una band di cui sentiremo molto parlare in futuro tra i metaller più ortodossi!

Recensione

Massacro

TRINAKRIUS - Massacro

(2010 - Jolly Roger Records)

voto: 9/10




'Massacro' è una sorta di regalo che i palermitani Trinakrius, in collaborazione con la Jolly Roger Records, hanno deciso di dare alle stampe per festeggiare i 15 anni trascorsi dalla fondazione della band; si tratta infatti di una raccolta contenente tutti i brani cantati in italiano incisi fino ad adesso, compresi quelli apparsi sulle demo.

Recensione

Sin Symphony

JOHN DOE - Sin Symphony

(2010 - Autoprodotto)

voto: 6.5/10

It's only rock ‘n roll (but i like it) recita una famosa canzone degli Stones…lo dico spesso ( e forse lo avrò scritto già da qualche altra parte) ma questa è proprio la frase appropriata per aprire questa recensione.

 

Recensione

Mutation

IMPALED BITCH - Mutation

(2009 - Autoprodotto)

voto: 7/10


Gli Impaled Bitch nascono nel 2008 a Vibo Valentia, per mano di SoSo (chitarra e voce) e Il Brutal (basso e voce), entrambi ansiosi di proiettare tutto il marcio del mondo circostante all'interno di una musica ancora più marcia, a cavallo tra brutal death e grindcore. La difficoltà relativa alla ricerca di un batterista è stata aggirata grazie all'utilizzo di una drum-machine, il che ha permesso a questa band di dare alle stampe ben tre album nel giro di un anno.

Rocker del Mese

Rowena

Aprile 2010

Recensione

Teatro Elementale

IN TORMENTATA QUIETE - Teatro Elementale

(2009 - My Kingdom Music)

voto: 9/10

Devo cerca una alternativa al Gods Of Metal. Devo assolutamente. Mi manca un po' di sano e vecchio metal, fatto di muscoli, sudore, sangue e elettricità. Che dire, un anno di speranze e, puff, la Live decide di dare una bella frullata alle nostre scommesse su chi potrà o non potrà farci passare una bella due-tre giorni di sano e buon pogo, sudati ma contenti in una qualche arena italica. Non che il bill non presenti gemme, solo che farò passo.

Recensione

Blades And Rods

Counter

  • Site Counter: 1,984,949
  • Visitatori Unici: 128,887
  • Published Nodes: 5,921
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed