Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    DEVOID OF THOUGHT
    Outer World Graves
  • Copertina
    VOLAND
    Воланд
  • Copertina
    LAETITIA IN HOLOCAUST
    I Fall With the Saints
  • Copertina
    SKANNERS
    Greatest Hits
  • Copertina
    MARY MALLON'S
    Geneal Disease
  • Copertina
    SUN OF THE SUNS
    Tiit
Copertina
DEVOID OF THOUGHT
Outer World Graves
Copertina
VOLAND
Воланд
Copertina
LAETITIA IN HOLOCAUST
I Fall With the Saints
Copertina
SKANNERS
Greatest Hits
Copertina
MARY MALLON'S
Geneal Disease
Copertina
SUN OF THE SUNS
Tiit
Recensione

Phlegethon

Recensione

RRR 1988-1997

ANGUISH FORCE - RRR 1988-1997

(2009 - My Graveyard Productions)

voto: 7/10




Con la recensione di questo 'RRR 1988-1997' ha termine la nostra opera di riesumazione storica del materiale discografico degli Anguish Force; riesumazione portata avanti in un certo qual modo anche dalla band stessa, tant'è che il disco in questione è costituito da brani apparsi su qualche demo oppure dimenticati in fondo ad un cassetto del comodino di LGD, tutti riarrangiati e riregistrati dalla formazione attuale.

Recensione

Where The Sun Sets

WE ARE BUILDING RUINS - Where The Sun Sets

(2010 - Autoprodotto)

voto: 6.5/10

I We Are Building Ruins sono una band death grindcore che viene da Cagliari e
ci presenta questi tre pezzi che rappresentano il lavoro "Where the Sun Sets".
Band singolare questa, tutti i componenti sono abili strumentisti sempre
pronti a stupire, spaziando dai capisaldi del genere, Cannibal Corpse su tutti,
passando per diramazioni molto più moderne in stile Lamb of God, Job for a
Cowboy, Meshuggah per intenderci.
Tre pezzi di indubbia bellezza, "Rise Above the Sun" è decisamente il mio
preferito,"The Painting" è piu' orientato verso stili moderni del genere, ma
stilisticamente non fa' una piega, da sottolineare la piacevole conclusione di

Recensione

La famiglia Superstar

LA FAMIGLIA SUPERSTAR - La famiglia Superstar

(2010 - Heart Of Steel/Emmeciesse)

voto: 10/10

Primo disco per una band coi fiocchi: un capolavoro firmato da musicisti di grosso calibro.
Formazione di sicuro successo con alla chitarra Steve Saluto (ho avuto l'occasione e la fortuna di recensire il suo disco solista),  alla voce Terry Ilous (XYZ e altri), al basso Marco Mendoza (Whitesnake, Thin Lizzy, David Lee Roth...), alla batteria Atma Anur (Journey, David Bowie, Richie Kotzen, Tony Macalpine...).
L'esordio della band promette grosse e deliziose sorprese, non delude di certo il palato raffinato degli ascoltatori attenti al gusto.

Recensione

Time and Eternity

SPITFIRE - Time and Eternity

(2010 - My Graveyard Productions)

voto: 9/10

"We are an italian metal band and we play every day every night!" (Spitfire). Composto circa 25 anni fa vede la luce finalmente "Time and Eternity" il disco d'esordio dei veronesi Spitfire, pubblicato dalla My Graveyard Productions. Il lavoro di Giacomo "Giga" Gigantelli (basso e voce) , Stefano Pisani (chitarra)  e Gaetano Avino (batteria) è una delle migliori release di questo 2010 perchè unisce la spontaneità compositiva degli anni '80 in piena ondata HM, alla qualità della produzione ed alla forza sonora che esce dagli altoparlanti.

Recensione

The Phoenix

MASTERCASTLE - The Phoenix

(2009 - Lion Music)

voto: 7/10

Inferno e paradiso... .riff potenti e batteria martellante, il tutto coronato da una voce cristallina e carica d'energia,
sono i Mastercastle band formatasi nel 2008 in quel di Genova.
I Mastercastle iniziano il loro primo lavoro "The Phoenix" con "Words are Swords"(le parole sono spade),fin dal primo ascolto si nota la tecnica e la potenza sonora della band, la sorpresa è nella voce che si sposa in modo magnifco con le tonalità heavy del pezzo, si nota il lavoro di tutta la band per associare le due cose ed i risultati si vedono, un pezzo veramente bello che gli intenditori apprezzeranno sicuramente.
Recensione

Italian Thrash Universe Vol. 2

AA. VV. - Italian Thrash Universe Vol. 2

(2010 - Thrash Universe)

voto: 7.5/10

Italian Thrash Universe Vol. 2 è una compilation del Blog Magazine Thrash Universe, distribuita gratuitamente tramite free download dalla pagina del blog. Il bello di questa iniziativa è la possibilità di avere accesso ad un quadro, più o meno completo, del thrash metal nostrano; il thrash metal è un genere che in italia, bene o male, è sempre stato in grado di diffondersi ovunque, facendo proliferare diverse bands, ognuna con le sue commistioni di generi e sottogeneri.

Recensione

Trapped

NOUMENO - Trapped

(2009 - UK Division)

voto: 9.5/10

"Ciò che io penso ora, intendo", questo pare essere il significato del NOUMENO e indubbiamente la band della capitale quel che pensa lo intede eccome!  Nove tracce in questo clamoroso esordio dello scorso anno, nove tracce completamente strumentali dove i quattro componenti della band sciorinano un progressive metal dalle varie contaminazioni mai scontato, mai prolisso e soprattutto mai stancante, cosa alquanto rara per lavori composti senza ausilio della voce. Difetta un pò la produzione ma se così non fosse potrei già definirlo disco dell'anno!

Recensione

Terrorized by Reality

INHALE YOUR HATE - Terrorized by Reality

(2010 - SG Records)

voto: 6.5/10

Tanta rabbia ed aggressività per i veronesi Inhale your Hate, che con “Terrorized by Reality” giungono al loro primo full lenght per la gloriosa SG Records. Il genere proposto dalla band è quel metalcore tanto in voga da qualche anno a questa parte, nato negli ’80 per mano di Agnostic Front e sviluppatosi, in seguito, grazie a gruppi come Avenged Sevenfold, Trivium, Shadows Fall… La musica proposta dai gruppi citati è comunque melodica, quella suonata dagli IyH non lo è, spesso queste band creano soluzioni armonico/melodiche con intrecci a due chitarre (oserei dire di scuola maideniana) i nostri privilegiano un sound grezzo e diretto, probabilmente a vantaggio della violenza sonica che propagano.

Recensione

Forever

ETERNAL TRAGEDY - Forever

(2008 - Autoprodotto)

voto: 7.5/10


Gli Eternal Tragedy sono la creatura della chitarrista milanese Stefania Ponzilacqua; nati nel 1999 con altro moniker e passati attraverso svariati cambi di formazione e di stile, concretizzatisi nella pubblicazione di due demo, approdano nel 2008 al traguardo del primo full-lenght, intitolato appunto "Forever". La proposta attuale della band consiste in un death metal sì aggressivo e feroce, ma comunque sempre elaborato e ragionato, talora arricchito con piccoli tecnicismi, mai dedito alla violenza fine a se stessa.

Counter

  • Site Counter: 2,868,580
  • Visitatori Unici: 156,361
  • Published Nodes: 8,233
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed