Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.

I più Visti

Ultime Recensioni

  • Copertina
    SNEI AP
    (In)Sane Minds
  • Copertina
    PEAKS
    Peaks
  • Copertina
    VEXOVOID
    Call Of The Starforger
  • Copertina
    MANACH SEHERATH
    Timeless Tales
  • Copertina
    RAZGATE
    Feral Evolution
  • Copertina
    ELDRITCH
    Cracksleep
Copertina
SNEI AP
(In)Sane Minds
Copertina
PEAKS
Peaks
Copertina
VEXOVOID
Call Of The Starforger
Copertina
MANACH SEHERATH
Timeless Tales
Copertina
RAZGATE
Feral Evolution
Copertina
ELDRITCH
Cracksleep

Recensione

Various

ALFREDO GARGARO - Various

(2016 - Sliptrick Records)

voto:

Gestire un sito come Italia di Metallo non è cosa semplice come molti possono pensare, soprattutto gestire la redazione che ormai è diventata un porto di mare. Causa scarsa serietà di ex collaboratori questo cd, uscito a fine 2016, era finito sotto cumuli di altro materiale e solo adesso vede la giusta valutazione sulle nostre pagine web.

Recensione

Running Out Of Time

RUXT - Running Out Of Time

(2017 - Diamonds Prod)

voto:

A poco più di un anno dal formidabile debutto 'Behind the Masquerade', tornano i liguri Ruxt con il nuovo album 'Running out of Time'.

Nonostante la relativa giovinezza della band i suoi componenti sono tutti musicisti di grande esperienza, con militanza in band importanti della scena metallica nostrana quali Mastercastle, Sadist ed Athlantis.

Recensione

Idols & Gods

WENDY?! - Idols & Gods

(2017 - Tide Records)

voto:

Dietro la maschera dell'alternative Rock si nascondono i romani Wendy?! gruppo nato nel 2008 dalla mente del cantante e chitarrista Lorenzo Canevacci (Bloody Riot). Autori nel 2012 di 'Eleven' e nel 2014 di 'Notebook' che ottengono ottimi riscontri dalla critica arrivano adesso a produrre questo 'Idols & Gods', che all'ascolto del vostro attento redattore risulta essere veramente interessante.

Nove brani che spaziano dall'hard rock al punk ma che in generale viene definito alternative rock, sigla che non amo molto e che in questo sito raramente viene presa in considerazione, ma che stavolta fa eccezione alla regola per la sua ottima resa.

Recensione

From The Depth Of Soul (10th Anniversary-Remastered)

IN AEVUM AGERE - From The Depth Of Soul (10th Anniversary-Remastered)

(2017 - Pure Steel Records)

voto:

A dieci anni di distanza dall'uscita ufficiale di questa demo gli In Aevum Agere di Bruno Masulli (chitarra, basso e voce), pensano bene di rimasterizzare il tutto e aggiungere una bonus track con riffs dell'epoca e proporla al pubblico.

Come ebbe modo di scrivere la nostra ex redattrice Giovanna 'From The Depth Of Soul' fu un ottimo esordio che poi nel corso degli anni porterà la one man band partenopea a esercitare un percorso molto delineato sui massimi prosceni italiani e mondiali, prova ne è il contratto che li lega alla tedesca Pure Steel Records.

Recensione

Senza Vita

SENZA VITA - Senza Vita

(2017 - Autoprodotto)

voto:

Chi non muore si ri..sente, e miglior affermazione per i SenzaVita non poteva esserci. Quando ormai avevo perso ogni speranza (riborda..) ecco che la band meneghina risorge dalle proprie ceneri e si presenta più carica che mai col primo full-lenght dall'omonimo titolo.

Tre demo all'attivo, 2007, 2008 e 2009, un'autentica passione per l'heavy metal classico e intriso di speed e thrash per questo gruppo che rimane avvolto dal mistero con i suoi componenti che al momento paiono ridursi al solo Frank (chitarra, voce e basso).

Recensione

Road's Angels

ROAD'S ANGELS - Road's Angels

(2016 - Autoprodotto)

voto:

Dai sobborghi fiorentini vedeva la luce nell'ormai lontano 1990 questa demo 4tracks dei Road's Angels (ex Machine) registrata live in studio. Dello scorso anno la pubblicazione su supporto ottico a cura del bassista e membro fondatore Leonardo Lorenzi. Il gruppo fiorentino visse una stagione breve con diversi cambi di formazione e questo è peccato perchè asoltando questi brani ad anni di distanza ammetto che avevano il suo perchè. Semplici strutturalmente ma efficaci come proposta. Con un buon produttore avrebbero potuto senza dubbio dire la loro, del resto la loro buona partecipazione alla manifestazione Sesto Rock indicava che il potenziale per emergere c'era tutto.

Recensione

The Cult of Necrodeath

AA.VV. - The Cult of Necrodeath

(2017 - Black Tears records/Kult of Cthulhu)

voto:

"Necrodeath? Fucking extreme black metal! You Italians should be proud because they are one of the best extreme groups ever! "

[Necrodeath? Fottuto black metal estremo! Voi italiani dovreste esserne fieri, perché sono uno dei migliori gruppi estremi di sempre!]

Recensione

Claiming Supremacy

GAME OVER - Claiming Supremacy

(2017 - Scarlet Records)

voto:

Bentornati amici e amiche dalla fulgida chioma, oggi è il turno dei Game Over di ricevere una recensione, e a proposito di fulgide chiome, questi ragazzi vi faranno “scapocciare” parecchio.

'Claiming Supremacy', questo è il titolo dell'album della band, è niente di meno che un manifesto al thrash metal degli anni '80. Senza perdermi in particolari giri di parole o fronzoli linguistici vi dico che i Game Over sono venuti per picchiare. Picchiare forte.

Recensione

The Conscious Machine

AETERNAL - The Conscious Machine

(2017 - Autoprodotto)

voto:

Molto difficile recensire questo lavoro di esordio degli Aeternal.
La band, formatasi nel 2003, dopo varie vicissitudini si riassembla nel 2013 e dopo 4 anni riesce a dare vita con i superstiti Carmine Filizzola e Alessandro Chiappetta al primo lavoro autoprodotto, un concept album dal titolo 'The Conscious Machine'.

Recensione

The Red Room

5 STAR GRAVE - The Red Room

(2017 - Sliptrick Records)

voto:

Dieci tracce di sano horror punk e non solo per questi 5StarGrave, dieci tracce che spaccano veramente, suoni compatti, coesione di band, freschezza sonora e compositiva anche se i riferimenti sono tanti. Un valore aggiunto la voce al vetriolo di Claudio Ravinale che si erge a protagonista pezzo dopo pezzo.

Le band che più si accostano sono Murderdolls, Wednesday13 e perchè no gli Hardcore Superstar, va detto però che i ragazzi di Cuneo hanno una propria spiccata personalità che se portata sul palco ne fa sicuramente unp dei migliori act italiani del momento.

Counter

  • Site Counter: 1,725,777
  • Visitatori Unici: 107,255
  • Published Nodes: 5,817
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed