Prossimi Eventi

Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 1 visitatore collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    PSYCHOKILLER
    Higher
  • Copertina
    NIGHTLAND
    Obsession [Deluxe Tour Edition]
  • Copertina
    UFOSONIC GENERATOR
    The Evil Smoke Possession
  • Copertina
    TYTUS
    Rises
  • Copertina
    STARBYNARY
    Divina Commedia: Inferno
  • Copertina
    ESTETICA NOIR
    Purity
Copertina
PSYCHOKILLER
Higher
Copertina
NIGHTLAND
Obsession [Deluxe Tour Edition]
Copertina
UFOSONIC GENERATOR
The Evil Smoke Possession
Copertina
TYTUS
Rises
Copertina
STARBYNARY
Divina Commedia: Inferno
Copertina
ESTETICA NOIR
Purity

 DigUp

DigUp

 

Recensione

Through The Looking Glass

FINAL SOLUTION - Through The Looking Glass

(2016 - logic(il)logic Records / Andromeda Dischi)

voto: 7/10

Originariamente orientati su uno stile swedeath, i Final Solution giungono oggi a noi con un sound dalle varie sfaccettature, sicuramente più melodico rispetto alle sonorità degli esordi. L’impianto principale del riffing che anima gli otto brani di ‘Through The Looking Glass’ è principalmente un thrash metal di stampo moderno (diciamo riconducibile a tutto il panorama che si è sviluppato in seguito a ‘The Gathering’ dei Testament), mentre la voce – salvo sporadiche incursioni rabbiose – mantiene un’impostazione più morbida, cimentandosi peraltro su note abbastanza alte (a volte troppo alte).

Recensione

The Sword Of Ice And Fire

AUREA SECTIO - The Sword Of Ice And Fire

(2015 - Autoprodotto)

voto: 6.5/10

"The Sword of Ice and Fire" è il primo lavoro della band Aurea Sectio, una rock opera dal sapore epico il cui genere svaria dal power metal al folk, dall’hard rock alla musica classica. Scritto a più mani da musicisti con background estremamente  differenti, è un ambizioso concept album che ha messo insieme ventiquattro esponenti della variegata realtà musicale toscana e nazionale.

Recensione

L'Era Cannibale

ANGRY PUNX - L'Era Cannibale

(2016 - Duff Records)

voto: 8/10

A un paio d'anni di distanza da 'Dritto Al Cuore' i toscani Angry Punx tornano su cd con 'L'Era Cannibale' rinvigorendo il loro sound con 13 nuove tracce. Ne è subito testimonianza l'omonima 'Angry Punx' dal ritmo vibrante e serrato che mette subito l'ascoltatore a suo agio, in pratica la canzone parla dei nostri 4 pards e del loro sfrenato amore per musica e birra.

Recensione

Crossbones

CROSSBONES - Crossbones

(2016 - Jolly Roger Record/Goodfellas)

voto: 8/10

Che Dario Mollo sia uno tra i più conosciuti e quotati chitarristi italiani lo testimonia la sua brillante carriera che lo ha visto a fianco di veri e propri titani dell'hard rock. Con Tony Martin, cantante che ha raccolto la pesante eredità di Ozzy Osbourne e Ronnie James Dio nei Black Sabbath dei mid-eighties ha fondato i The Cage, mentre dalla collaborazione con  Sua Maestà "The Voice of Rock" Glenn Hughes sono nati i Voodoo Hill.

Recensione

A Hexagon Experience

LANDSLIDE - A Hexagon Experience

(2016 - Autoprodotto)

voto: 6/10

I Landslide sono una giovanissima band di Casalvelino,  provincia di Salerno. Formatisi nel 2011, dopo un periodo di studio e crescita sia personale che complessiva, ci presentano il primo demo 'A Hexagonal Experience', registrato all’HexagonLab Recording Studio  (Vallo della Lucania, SA) a cura di Edoardo Di Vietri.

Recensione

Nothing At All

LORD AGHEROS - Nothing At All

(2016 - My Kingdom Music)

voto: 7/10

'Nothing At All' è la quinta fatica per la one man band Lord Agheros dal debutto datato 2007 e segna un passo deciso in avanti per il mastermind Evangelou Gerassimos verso un suono d'avanguardia che si distacca dal classico Ambient Black Metal per avvicinarsi alla scena Post Black Metal.

Questo nuovo album è un disco molto raffinato ed affascinante che sa emozionare chi ascolta attraverso melodie scandite dal piano, malinconiche ed introspettive molto efficaci e dagli arrangiamenti sublimi. "Lake Water" è forse l'esempio migliori di questa evoluzione, una lunga ballata dark sorretta dal piano su cui Federica Lenore Cataldo offre una prova vocale sopra le righe.

Recensione

Vertigo

SOUND STORM - Vertigo

(2016 - Rockshots Records)

voto: 9/10

Terzo lavoro per i Sound Storm che propongono un metal sinfonico molto curato tecnicamente e arrangiato nei pieni standard del genere. I ragazzi di Torino hanno voglia di suonare, stupire e comunicare emozioni rimanendo sempre nei confini degli stilemi proposti dal genere, con dei brani freschi, tutti quanti, che non annoiano mai e che riescono a cogliere decisamente nel segno.

Recensione

Never Too Late

ALCHEMY - Never Too Late

(2016 - Street Symphonies Records)

voto: 7.5/10

‘Never Too Late’ è il titolo scelto dai bresciani Alchemy per il loro primo album, un concentrato di hard rock al quale si mescolano influenze progressive e AOR (personalmente ci sento anche un po’ di power); un titolo evocativo che racconta la storia stessa della band, che dopo varie esperienze e brani composti diversi anni fa è riuscita a sfornare una prova fisica e reale della sua musica e dell’impegno in essa riversato. Dietro le nove tracce del disco ci sono Marcello Spera alla voce, Cristiano Stefana alla chitarra, Matteo Castelli al basso, Andrew Trabelsi alle tastiere e Luca Cortesi alla batteria.

Recensione

Our Sky Has Changed

DAWN ON SEDNA - Our Sky Has Changed

(2016 - Autoprodotto)

voto: 6.5/10

Interessante questo lavoro dei Dawn On Sedna. Un disco a cavallo tra post metal e post rock, mischiati in un equilibrio stabile in cui nessuna delle due componenti prende il sopravvento. Un lavoro prevalentemente strumentale, in cui gli sporadici utilizzi della voce hanno per lo più il compito di creare un sentore atmosferico e a volte cerimonioso.

Recensione

Moment Between Lives

AFTERLIFE SYMPHONY - Moment Between Lives

(2016 - Revalve Records)

voto: 7/10

E’ il Veneto a dare i natali agli Afterlife Symphony, terzetto (poi divenuto quintetto) formatosi nel 2009, e che inizialmente era noto solo con il monicker Afterlife. A tre anni di distanza dalla prima release, 'Symphony of Silence', sotto l’etichetta Revalve Records, i nostri danno alla luce questo ‘Moment Between Lives’, sempre sostenuti dalla suddetta label, per oltre cinquantanove minuti di interessante mix che vede come protagonista il progressive metal in un contesto symphonic gothic.

Counter

  • Site Counter: 1,254,168
  • Visitatori Unici: 92,834
  • Published Nodes: 5,629
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed

 

 

Succede su facebook

Consigliati da Facebook