Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 1 visitatore collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    WYATT EARP
    Wyatt Earp
  • Copertina
    RUXT
    Back to the Origins
  • Copertina
    BULLFROG
    High Flyer
  • Copertina
    IN AUTUMN
    Greyerg
  • Copertina
    GC PROJECT
    Two of a Kind
  • Copertina
    LAHMIA
    Resilience
Copertina
WYATT EARP
Wyatt Earp
Copertina
RUXT
Back to the Origins
Copertina
BULLFROG
High Flyer
Copertina
IN AUTUMN
Greyerg
Copertina
GC PROJECT
Two of a Kind
Copertina
LAHMIA
Resilience

Recensione

Forged in Blood

FORGED IN BLOOD - Forged in Blood

(2018 - Punishment 18 Records)

voto:

I lombardi Forged in Blood sono una bella realtà musicale longeva. Attivi infatti dal 2008, hanno alle spalle diversi concerti e illustri collaborazioni.

Recensione

Lupex

FAKIR THONGS - Lupex

(2018 - Music For People)

voto:

Con una chitarra scarna e una voce settantiana si apre l'album dei Fakir Thongs. Subito chiare le coordinate, rock '70 misto a stoner. Ne è la dimostrazione 'No Tears', rockeggiante e molto variata nella composizione che ci porta in atmosfere oldies ben congeniate dai musicisti qui presenti.

Si procede con 'State of Grace', che inserisce nuovi elementi compositivi, un riff quasi prog settantiano scandisce il fluire del brano, con suoni decisamente adeguati e azeccatissimi.

'Pen Strokes' è il miglior brano del lotto dove un bellissimo giro di basso accompagna una struttura variegata e piena di sfumature che va ben ascoltata più che spiegata.

Recensione

Sleeping Sickness

WATER CRISIS - Sleeping Sickness

(2018 - Volcano Records & Promotion)

voto:

Un bell'arpeggio apre il lavoro dei Water Crisis, che mettono in chiaro subito il loro stoner con un bel riffone di altri tempi.

Scaldati i motori con l'introduttiva 'Check in' si parte con 'The Hostess Die Alone' bel brano dal ritmo costante che fa tornare in mente i seventies. Molto bella la voce, per contro la registrazione la trovo troppo improntata sulla stessa protagonista si nell'album, ma per certi versi troppo.

Recensione

Dreamy Reflections

ORPHAN SKIN DISEASES - Dreamy Reflections

(2018 - Logic Illogic)

voto:

Si definiscono alternative anche se secondo me il termine risulta stretto e molto riduttivo se applicato a questa band. Se per alternative metal ci riferiamo a quelle sonorità che vengono portate avanti o che sono state presentate da gruppi quali SOTD, Nevermore, Disturbed, allora possiamo dire che, sì, qualcosa in comune lo riscontriamo.

Recensione

Desounder

DESOUNDER - Desounder

(2018 - Andromeda Relix )

voto:

I veneti Desounder presentano come front woman questa giovin pulzella dalla voce pulita, candida, soave, cristallina, gentile, molto corretta nella forma, una di quelle voci che sembrano uscite da uno di quei programmi televisivi per futuri talenti.

Recensione

Armageddon Genesi

EVERSIN - Armageddon Genesi

(2018 - My Kingdom Muisc)

voto:

Giunti al loro quarto disco sotto l’ attuale monicker, gli Eversin proseguono il percorso evolutivo già intrapreso con le ultime due uscite, e consolidato in modo particolare in Trinity: The Annihilation, dove la band sfoggiava una padronanza da veterani sotto molti aspetti, dalla composizione alla produzione.

Recensione

No One Will Shine Anymore

FORMALIST - No One Will Shine Anymore

(2018 - Third-I-Rex)

voto:

La foto scelta come copertina di ‘No One Will Shine Anymore’ probabilmente l’avete già vista, come credo abbiate sentito parlare anche dei quattro ceffi che si celano dietro al nome Formalist, visto che non si tratta esattamente degli ultimi italiani arrivati a dare il proprio contributo a uno di quei rami di musica metal più estremi e, se vogliamo, disperati degli altri.

Recensione

Fulìsche

KANSEIL - Fulìsche

(2018 - RockShots Records)

voto:

Sono tanti gli elementi che immediatamente affascinano nelle canzoni dei Kanseil: la montagna, la foresta, la neve, il fuoco, la notte, la storia, il folklore, il dialetto, l’idea romantica di un passato ricostruito secondo le esigenze della modernità…

Ma spesso non sono sufficienti archetipi potenti, ingredienti e materie prime di alta qualità, per ottenere un grande risultato.

Recensione

Chronosfear

CHRONOSFEAR - Chronosfear

(2018 - Underground Symphony)

voto:

Power Metal tutto padano, questo. Band solo apparentemente “giovane”, i Chronosfear vedono la loro prima incarnazione già nel lontano 2003, con il moniker “Wings of Destiny” per volontà dell’onnipresente drummer Michele Olmi.

Recensione

Horror Department

HORROR DEPARTMENT - Horror Department

(2016 - The Spew Records)

voto:

L'ennesimo colpevole ritardo dovuto al troppo materiale presente in redazione vede stavolta protagonisti i lombardi Horror Department e il loro omonimo Ep uscito la bellezza di due anni fa. Il quartetto formato dai fratelli Simone e Matteo Rendina (Mortuary Drape, Horrid e Necroflesh) si muove su coordinate brutal death devote ai maestri del genere suddetto. Insieme a loro abbiamo Oliver Jaunch (Obscenity, Shellshock) alla voce e Nicolò Belloni al basso, successivamente sostituito da Edoardo Longo.

 

Counter

  • Site Counter: 1,873,733
  • Visitatori Unici: 119,627
  • Published Nodes: 5,811
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed