Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    HELLRAISER
    Heritage
  • Copertina
    ELEVATORS TO THE GRATEFUL SKY
    Nude
  • Copertina
    LAETITIA IN HOLOCAUST
    Fauci tra Fauci
  • Copertina
    UNCLEDOG
    Passion Obbsession
  • Copertina
    FOLKSTONE
    Diario di un ultimo
  • Copertina
    RACCOMANDATA RICEVUTA RITORNO
    In Rock
Copertina
HELLRAISER
Heritage
Copertina
ELEVATORS TO THE GRATEFUL SKY
Nude
Copertina
LAETITIA IN HOLOCAUST
Fauci tra Fauci
Copertina
UNCLEDOG
Passion Obbsession
Copertina
FOLKSTONE
Diario di un ultimo
Copertina
RACCOMANDATA RICEVUTA RITORNO
In Rock

Rocker del Mese

Dynstopiaa

Gennaio 2019

Fotografia
Recensione

Through Nightmares And Dreams

STINS - Through Nightmares And Dreams

(2018 - Red Cat Records)

voto:

Esordio per questi ragazzi di Firenze che dopo due demo danno vita al loro primo disco.
Si tratta di un hard rock senza compromessi con una impronta decisamente live oriented, pezzi diretti con pochissimi fronzoli e decisi a provare a far scuotere la testa dell'ascoltatore.

Recensione

Vestigium Mortis

NOTT - Vestigium Mortis

(2018 - Obscvrvs Records )

voto:

Tributo alla Morte sin dal titolo, quello che il nostro Mortifero, con questo ultimo lavoro fa senza troppi fronzoli e senza risultare banale, né ripetere ciò che ci aveva proposto nel precedente “Disfacimento”.

5 brani di black metal tirato, ma mai buttato via a casaccio, racchiusi da intro e outro in latino, che vedono la partecipazione di Noctuaria, così come avviene ormai anche in sede live.

Recensione

Zeitgeist

EDWARD DE ROSA - Zeitgeist

(2018 - Revalverecords)

voto:

È con entusiasmo e ambizione che il chitarrista pugliese si butta nell’avventura di un progetto che porti il suo nome, ma che allo stesso tempo possa suonare come una vera band.

E ci prova nel migliore dei modi avvalendosi di validi professionisti, dalla post produzione nello studio di Londra (che fa sempre figo), alle orchestrazioni, fino al carico da undici: lo straordinario talento vocale di Giacomo Voli (sì, quello della tv e dei Rhapsody of Fire).

Recensione

High Rollers

BAD BONES - High Rollers

(2018 - Sliptrick Records)

voto:

Il combo dei Balocco Boy's si ripresenta sulla scena metal italica con un nuovo album. 'High Rollers' il titolo dell'ultima fatica dei Bad Bones, band piemontese con una buona produzione alle spalle. Il nuovo cd viene dato alle stampe e quindi posto in commercio il 23 Ottobre e già la cover ci lascia presagire di che genere sarà quanto andremo ad ascoltare. Potenza e suono ruvido la fanno da padrona anche se non mancano momenti di relativa calma. In bilico tra Hard Rock e Metal l'album non spicca certo per l'originalità della proposta, anche se trattasi sicuramente di un buon prodotto.

Recensione

Maze Of Existence

UNORTHODOX - Maze Of Existence

(2018 - Punishment 18 Records)

voto:

Gli Unorthodox sono una band dedita al Thrash-Black metal più estremo, ma con delle peculiarità stilistiche innovative .Il loro nuovo album si chiama 'Maze Of Existence'

Si parte con 'The Non-Existent Sin', un pianoforte pieno di pathos e dall'atmosfera cupa apre questo brano; da notare nella progressione armonica alcune dissonanze volute che creano sonorità interessanti nell'interplay tra gli strumenti.

Recensione

Disincanto

OPERA OSCURA - Disincanto

(2018 - Andromeda Relix)

voto:

Le dolci emozioni della buona musica, le sognanti visioni del Cinema e le immagini letterarie che nascono dalla Poetica sono tutte senzazioni che l'Arte non riuscirà mai a separare poichè è la Vita stessa che alimenta la nostra anima. La nostra bella ma sofferente Italia è sempre stata colma di sublimi letterati, registi, attori e musicisti.

Recensione

The Gospel

OPERA IX - The Gospel

(2018 - Dusktone)

voto:

Gli storici e seminali Opera IX, attivii dal 1989, tornano con un capolavoro per tutti gli amanti del black metal pagano e ricercato nei testi.

Apre le danze la sublime 'The Gospel', con un intro arpeggiato di chitarre che nel brano poi ritornano sovente alternando le parti vocali possenti ed evocative di Dipsas Dianaria, ritmi che vanno dal blast beat ai rallentamenti, conditi da un'arrangiamento orchestrale di primissimo livello.

Un oscura chitarra apre 'Chapter II", funerea nel suo incedere fino alla parte centrale, dove si pesta sul serio come ai bei tempi, per poi tornare al ritmo iniziale.

Intervista

Eduardo Vitolo

Ciao e benvenuto su Italia di Metallo a Eduardo Vitolo , iniziamo subito con le domande , come nasce l’idea di Children of Doom , libro dedicato a un genere di nicchia?

 

Recensione

Spellbound

SADIST - Spellbound

(2018 - Scarlet Records)

voto:

I Sadist sono una band formata a Genova nel 1991, dalle diaboliche menti del mitico batterista “Peso” e dal chitarrista Tommy Talamanca, già presenti nelle fila dei feroci

Counter

  • Site Counter: 1,967,811
  • Visitatori Unici: 124,672
  • Published Nodes: 6,032
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed