Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 4 visitatori collegati.

Prossimi Eventi

Ultime Recensioni

  • Copertina
    MARONGIU & I SPORCACCIONI
    Mulo De Paese
  • Copertina
    XPUS
    In Umbra Mortis Sedent
  • Copertina
    HELION
    The Great Fall
  • Copertina
    TRICK OR TREAT
    The Legend Of The XII Saints
  • Copertina
    VALAR MORGHULIS
    Fields Of Ashes
  • Copertina
    SVART
    Il Sentiero Dimenticato
Copertina
MARONGIU & I SPORCACCIONI
Mulo De Paese
Copertina
XPUS
In Umbra Mortis Sedent
Copertina
HELION
The Great Fall
Copertina
TRICK OR TREAT
The Legend Of The XII Saints
Copertina
VALAR MORGHULIS
Fields Of Ashes
Copertina
SVART
Il Sentiero Dimenticato
Recensione

Unidentified Flesh Object

TOOLBOX TERROR - Unidentified Flesh Object

(2019 - MASD Records)

voto:

Toolbox Terror, bene, ascoltiamo quest’album… ascolto il primo pezzo, ma mi ricordo improvvisamente che devo fare spesa, ottimo lo ascolto in macchina.

Quindi esco dal garage il mio Hummer truccato e accessoriato con lame rotanti e cannone sul tetto. Ora possiamo andare al supermercato, a tutta velocitaaaaaa!

Torno a casa dopo aver sparso un po’ di sangue, intestini vari e chi più ne ha ne metta.

Recensione

Camelot

ANCIENT KNIGHTS - Camelot

(2020 - Diamonds Prod.)

voto:

Ancient Knights (che nome, ragazzi...) è un progetto da studio finalizzato alla realizzazione di quella musica con batteria “finta”, chitarre elettriche e orchestrazioni virtuali che, per convenzione e abitudine, chiamiamo ancora “metal”. Non una band vera e propria, quindi, ma un insieme di talenti radunati e organizzati da Andrea e Marcello Atzori, le menti dietro a questa opera. A proposito, “Metal Opera” è l’etichetta che loro stessi vorrebbero applicare all’intero progetto, che prevede almeno un sequel.

Recensione

The Great Machine

HANGARVAIN - The Great Machine

(2019 - Volcano Records & Promotion)

voto:

Ve ne avevamo parlato nell'ormai lontano 2014 quando esordirono con 'Best Ride Horse' in termini positivi, poi sinceramente li avevamo persi, mentre loro davano alle stampe l'ep acustico 'Naked' nel 2015 e l'album 'Freaks, Roots and Retums' nel 2016 che provvederò a recuperare quanto prima dato l'entusiasmo che mi ha trasmesso questo nuovo 'The Great Machine' uscito a fine 2019 per l'attivissima Volcano Records!

Recensione

Under Attack

UNDER ATTACK - Under Attack

(2019 - Sliptrick Records)

voto:

Nuova formazione quella degli Under Attack duo formato da Daniele Sciacca (voce) con la cooperazione di Nando Bonini come session men ed arragiatore, che si avvalgono come guest alla chitarra di Fabio Rossi.

L'esordio che esce per Sliptrick Records è un Ep di tre pezzi ognuno ispirato a tre grandi classici del passato, ossia, 'Operatin:Mindcrime' dei Queensryche, 'Cyberpunk' di Billy Idol e 'Rust in Peace' dei Megadeth. Da questa nota si può evincere che gli Under Attack siano devoti esecutori di un suono ottantiano, heavy metal classico e retrò.

Recensione

Earthshine

THE WHIRLINGS - Earthshine

(2019 - Subsound Records)

voto:

Decisamente fuori dagli schemi i The Whirlings, quartetto proveniente da L'Aquila, infatti il sound del gruppo abruzzese si rifà agli stilemi di fine anni '60 inizio '70, proponendo brani strumentali che abbracciano il post rock come il progressive stoner, lo stoner stesso e la psichedelia.

Figli illegittimi dei Pink Floyd, fratellastri degli Ufomammut e seguaci di se stessi, questa potrebbe essere la definizione esatta da dare ai ragazzi. Conosciuti ai più grazie all'esordio omonimo, hanno conosciuto la fama internazionale col primo album datato 2013, 'Beyond The Eyelids' che li ha fatti esibire live di spalla a band come Karma To Burn e Grand Astoria solo per fare due nomi. 

Recensione

MMXIX In Frigidvm Lectvm

DVM SPIRO - MMXIX In Frigidvm Lectvm

(2019 - My Kingdom Music)

voto:

Intro malinconici, seguiti da riff e distorsioni che ti catapultano altrove, capaci di strapparti le budella, ma nel contempo di farti marcire nei meandri infernali della propria anima, dove tutto è oscuro, dove si è dannati e condannati dalla vita, dove tutto marcisce per risorgere.

Recensione

The Dark Side Of Old Europa

DOOMRAISER - The Dark Side Of Old Europa

(2020 - Time to Kill Record)

voto:

In un periodo strapieno di uscite monotone e statiche anche a livello di tematiche, l'uscita del nuovo album dei romani Doomraiser arriva come una manna dal cielo.
Le atmosfere ancestrali sono una nota caratteristica del Dark Sound italico e ridurle alle tematiche relative alla stregoneria da film di serie zeta o alla magia, è un qualcosa di superfluo e commercialmente riduttivo poichè la vera oscurità deve essere trovata all'interno dell'essere umano.

Recensione

Dark Forces Reign

NEBRUS - Dark Forces Reign

(2019 - Third I Rex)

voto:

I cult black metallers Nebrus, danno alla luce questo 'Dark Forces Reign', oscuro è il primo aggettivo che mi viene da abbinare. Una breve intro contenuta in 'Aenigma' apre le danze con un ritmo funereo e macabro, una voce adattissima al ritmo e suoni cupi appropriati. Una progressione di cassa rende ancora più martellante il brano, che rimane costante fino alla parte centrale in cui una voce maligna da vita a una seconda parte ansiogena tra ritmi black e un ritorno all'inizio del brano

Recensione

4

NOTT - 4

(2019 - Third I Rex)

voto:

Il nuovo album di Nott, onemanband il cui creatore ed unico malefico componente ha nome Mortifero, è '4'. '4' è appunto il quarto full-lenght del progetto bresciano, band attiva dal 2002, il che la dice lunga anche sullo stile che deve molto al black metal primordiale degli anni 90. Anni 90 si, ma non solo Norvegia, infatti il primo collegamento stilistico che ho fatto ascoltando quest’album è stato con una delle mie band preferite di sempre, i francesi Blut Aus Nord.

Recensione

Rebirth

SOUL OF STEEL - Rebirth

(2019 - Revalve Records)

voto:

Soul Of Steel sono una band di power prog metal che deve il suo status di professionalità e competitività internazionale alla tenacia del batterista (e unico membro superstite delle tante formazioni precedenti) Lorenzo Chiafele, che giunge al terzo album continuando a circondarsi di professionisti.

Counter

  • Site Counter: 2,357,273
  • Visitatori Unici: 134,570
  • Published Nodes: 6,339
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed