Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 5 visitatori collegati.

Prossimi Eventi

Ultime Recensioni

  • Copertina
    17 CRASH
    Hit The Prey
  • Copertina
    WILL’O’WISP
    MOT
  • Copertina
    PAOLA PELLEGRINI LEXROCK
    Lady To Rock
  • Copertina
    WALLS OF BABYLON
    A Portrait Of Memories
  • Copertina
    SACRO ORDINE DEI CAVALIERI DI PARSIFAL
    Heavy Metal Thunderpicking
  • Copertina
    DRAKKAR
    Cold Winter’s Night
Copertina
17 CRASH
Hit The Prey
Copertina
WILL’O’WISP
MOT
Copertina
PAOLA PELLEGRINI LEXROCK
Lady To Rock
Copertina
WALLS OF BABYLON
A Portrait Of Memories
Copertina
SACRO ORDINE DEI CAVALIERI DI PARSIFAL
Heavy Metal Thunderpicking
Copertina
DRAKKAR
Cold Winter’s Night

Recensione

In the Name of the Son

ENZO AND THE GLORY ENSEMBLE - In the Name of the Son

(2017 - Rockshots Records)

voto:

Enzo Donnarumma, originario di Gragnano (NA) è un compositore e polistrumentista decisamente particolare. Diplomato in chitarra classica, vanta un background culturale che spazia praticamente tutti i generi musicali (Heavy Metal, Hard Rock, Progressive anni'70, Musica Classica, Musica Elettronica, Musica Psichedelica, New Age, Blues, Soul e Gospel). Un musicista decisamente dotato, quindi, attivissimo in territorio nazionale e che vanta collaborazioni di alto livello all'estero con artisti del calibro di Marty Friedman, Ralf Scheepers, Brian Ashland, Shadow Gallery e Mark Zonder.

Recensione

Another Trejos Night

DANNY TREJO - Another Trejos Night

(2017 - Trivel Records / Indelirium Records)

voto:

E' furente l'hardcore punk dei Danny Trejo, ma soprattutto non è scontato come potrebbe sembrare. Infatti il sestetto proveniente dal veneto suona diverso dai soliti stilemi, o per meglio dire aggiunge un tocco di crossover con spruzzate heavy metal qua e là che inducono l'ascoltatore ad apprezzare meglio la proposta musicale che pur non essendo forse originale suona molto personale.

Recensione

Humanocide

MALET GRACE - Humanocide

(2018 - Spider Rock Promotion)

voto:

È con piacere che torno ad ascoltare la musica composta dai Malet Grace, il quartetto di Latina di cui vi ho parlato pochi mesi fa (qui la recensione del loro album di esordio “Malsanity”). A dire il vero al momento la band pare dimezzata, data la recente defezione della sezione ritmica, ma queste sei tracce fotografano una formazione ancora ben affiatata e operosa nell’inventare intrecci, variazioni e fughe strumentali interessanti all’interno di canzoni che, ora più che in passato, riescono a mantenere nonostante ciò un’identità, una fluidità e una cantabilità sorprendenti. 

Live Report

Facciamo Valere il Metallo Italiano (seconda serata) @ L'Angelo Azzurro

13 Gennaio 2018

Genova

Volendo fare una citazione cinematografica , paragonerei il mio viaggio per trovare l'Angelo Azzurro Club all'inquietante "Operazione Paura" del Maestro Bava; infatti le difficoltà per raggiungere il locale per la seconda edizione del festival di Facciamo Valere il Metallo Italiano sono state enormi anche a causa della mancanza di segnalazioni/cartelli .

26840612_10215112082294792_2879687313289386214_o 26677816_10215112094055086_7239004017259205459_o 26734207_10215112117815680_5231835644990243658_n 26758652_10215113635013609_2937245405766618458_o
Recensione

Of Sinners And Madness

BRIDGE OF DIOD - Of Sinners And Madness

(2017 - Sliptrick Records)

voto:

Cosa sono l'originalità, il genio, l'istinto, la tecnica?

Cosa sono l'emotività, un pensiero, un'idea, una sensazione?

Bisogna avere un pizzico di follia per avvicinarsi al vizio e riuscire a peccare (nel senso di sbagliare) pur rimanendo se stessi.

Questi quattro ragazzotti di Acqui Terme (AL) sembrano proprio essere perno fondamentale di quel ponte di diodi presente negli amplificatori Mesa Rectifier.

Recensione

Only Death For My Warriors

ASURA - Only Death For My Warriors

(2016 - Masked Dead Records)

voto:

Travagliata e interessante la storia degli Asura, gruppo autodefinitosi melancholic extreme metal che in realtà propone riff dai sapori black/death uniti ad una base sinfonica dalle tinte mistiche ed evocative. Immagino che l’idea fosse di comunicare atmosfere, appunto, malinconiche, vista anche l’aura mesta e cupa in cui la  band ci catapulta, spesso e volentieri, in questo EP breve ma intenso. 

Intervista

Gabriels

Questo periodo è davvero ricco per l’infaticabile Gabriels! Se, infatti, durante la chiusura del 2017 ha visto la luce l’interessante 'Over The Olympus', disco che mette da parte le sonorità metal in favore di uno orchestrale/classicheggiante, il 2018 segnerà il rilascio del secondo atto di 'Fist Of  The Seven Stars', concept ambizioso ricco di ospiti che il Nostro porta avanti in maniera indefessa. Certo non potevamo non celebrare tanta ricchezza con un’intervista. Via alle domande!

Recensione

2017

PAOLO MORBINI PROJECT - 2017

(2017 - Autoprodotto)

voto:

Accantonati per il momento (o forse definitivamente) i Myland, il talentuoso autore e batterista milanese Paolo Morbini si ripresenta sulle scene con un progetto che prende il suo stesso nome: Paolo Morbini Project. Le coordinate musicali rimangono più o meno le stesse, un melodic hard rock che sfocia nel più classico ed elegante AOR extra de-luxe! 

Recensione

Apocalypse

STATO DASSEDIO - Apocalypse

(2017 - Autoproduzione)

voto:

Dalla liguria finalmente esordiscono sul mercato underground gli Stato Dassedio, una Thrash metal band genovese, attiva da alcuni anni nonchè grande punto di riferimento per quanto riguarda la scena metal della città ligure, grazie anche alla loro potenza distruttiva più volte rimarcata dal vivo, si sono fatti un'ottima notorietà; la band è stata fondata nel 2010 da Marco Cj ed il Moce, successivamente si sono aggiunti Geo (Ex Daemoniaca) al basso e Martyrio alla chitarra solista. 

Recensione

Over The Olympus - Concerto For Synth And Orchestra

GABRIELS - Over The Olympus - Concerto For Synth And Orchestra

(2017 - Diamonds Prod.)

voto:

Con questo Over The Olympus, rilasciato sotto Diamonds Prod., l’instancabile Gabriels effettua una bella virata, dicendo  momentaneamente addio alle chitarre distorte e andando ad abbracciare sonorità prettamente classiche. In queste dieci tracce, infatti, a fare da sfondo al nostro virtuoso della tastiera abbiamo “soltanto” una vera orchestra, nonché l’apporto di due ospiti che osserveremo nel dettaglio nel corso della recensione. 

Counter

  • Site Counter: 1,741,766
  • Visitatori Unici: 111,298
  • Published Nodes: 5,852
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed