Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 1 visitatore collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    WALKYRYA
    The Invisible Guest
  • Copertina
    NEMESIS INFERI
    A Bad Mess
  • Copertina
    PUNITION BABEK
    Come To Die
  • Copertina
    ENIO NICOLINI
    Heavy Sharing live Vinile Release (DVD)
  • Copertina
    A FOREST MIGHTY BLACK
    Chemical Physical
  • Copertina
    SOFISTICATOR
    At Whores With Satan
Copertina
WALKYRYA
The Invisible Guest
Copertina
NEMESIS INFERI
A Bad Mess
Copertina
PUNITION BABEK
Come To Die
Copertina
ENIO NICOLINI
Heavy Sharing live Vinile Release (DVD)
Copertina
A FOREST MIGHTY BLACK
Chemical Physical
Copertina
SOFISTICATOR
At Whores With Satan

Recensione

Three Decades Live at The Kultursaal Theatre

FELINE MELINDA - Three Decades Live at The Kultursaal Theatre

(2017 - Feline Melinda)

voto:

Celebrare 30 anni di carriera e farlo alla grande, questo è il concetto base di 'Three Decades Live at The Kultursaal Theatre' nuova uscita discografica dei sudtirolesi Feline Melinda. Il quartetto sciorina ben 17 brani in versione elettrica ed acustica attraversando le tre decadi della propria vita nel migliore dei modi.

Recensione

Necropolis

GODWATT - Necropolis

(2018 - Jolly Roger Records )

voto:

In una scena musicale dove le difficoltà per emergere sono molteplici, a causa di problemi strutturali e soprattutto culturali, e  molte band sono costrette ad abbandorare la nave è un grande onore riascoltare e recensire i Godwatt.

La band di Frosinone, a differenza del precedente album ("L'Ultimo Sole" uscito nel 2016) decide di orientarsi su sonorità ancora piu' oscure e cimiteriali; infatti i nove brani che andrò a descrivere hanno il pregio di aver recuperato una certa atmosfera macabra e malinconiica che è sempre stata la caratteristica fondamentale per un certo tipo di dark music.

Recensione

Rotten Dreams

DSEASE - Rotten Dreams

(2017 - Sneakout Records)

voto:

Con ignobile ed ingiustificato ritardo mi accosto a mettere per scritto le mie limitate e terrene considerazioni sul lavoro di questi Dsease. Dalle foto di copertina del cd mi aspettavo un sonoro (...) pugno in faccia e quindi mi ero preparato ad una violenza atonale nei confronti della quale lo ammetto ho molte lacune ed alcuni preconcetti che mi porto dietro dalla gioventù.

Recensione

Silenzio Profondo

SILENZIO PROFONDO - Silenzio Profondo

(2017 - Andromeda Relix)

voto:

I lombardi Silenzio Profondo, guidati dal chitarrista Gianluca Molinari e dal cantante Maurizio Serafini, dopo una lunga serie di vicissitudini, tornano a produrre nuova musica ad alcuni anni di distanza dall’ultimo album 'Heartquake', caratterizzato da testi in inglese. Il nuovo lavoro prende il nome dalla band e vuole riportare il gruppo verso un nuovo inizio e al ritorno alle origini, sia per quanto riguarda le sonorità che per la scelta di cantare rigorosamente in italiano.

Recensione

Noise Treatment

NEID - Noise Treatment

(2017 - Sliptrick Records)

voto:

Con questo 7" i laziali Neid celebrano i 10 anni di attività. 6 tracce di grind senza fronzoli a metà strada tra le ultime produzioni dei Napalm Death e il bun vecchio hardcore punk anni '80, non a caso è qui presente una cover dei mai troppo ricordati Crash Box

Sei schegge violente e veloci sulle quali si erge senza dubbio la title track, 52 secondi di adrenalina purissima dove si esalta al massimo il lavoro del quintetto proveniente da Viterbo. La cover di 'Nato Per Essere Veloce' è una bomba e la chiusura di 'Clear The Code!' lascia senza fiato.

Recensione

Demons CrawlL At Your Side

TONY TEARS - Demons CrawlL At Your Side

(2018 - Minotauro Records/Blood Rock Records)

voto:

Un intro oscuro ci introduce al nuovo lavoro di Tony Tears, progetto nato nell'88, doom dall'incedere maligno e oscuro.

Produzione dai suoni retrò, bel riffing e brani riconoscibilissimi dalle belle melodie.

In 'Lilith's Day' apre il nostro viaggio in una dimensione oscura e dall'incedere lento, in una composizione tipica del genere, ben suonata e composta.

La successiva 'The Beast Inside The Beast' è introdotta da un evocativa voce in italiano che caratterizza tutto il brano, diverso dal solito e molto originale. 

Recensione

Aenigma

DARK HORIZON - Aenigma

(2017 - Underground Symphony Records )

voto:

Cari amici e amiche dalla fulgida e roteante chioma, è giorno di recensione. Sulla mia scrivania oggi ci sono i Dark Horizon con il loro full lenght 'Aenigma'.

Fin dal primissimo ascolto mi riesce difficile inquadrare la band in un filone preciso (e questo è sicuramente una cosa positiva). Riff granitici e una base ritmica solida contraddistinguono il mood dei Dark Horizon. Non manca sicuramente un tappeto di tastiere che impreziosisce il sound del gruppo andando anche ad addolcire le linee “strong” del basso e della chitarra.

Recensione

A Monkey Into Space

METEOR CHASMA - A Monkey Into Space

(2017 - Go Down Records)

voto:

I Meteor Chasma sono una band dedita ad uno stoner rock di ottima fattura e si presentano al grande pubblico con il loro primo album 'A Monkey Into Space'.

Entriamo dunque e ascoltiamo questo lavoro che parte con 'Spaceship 2346' che si presenta armonicamente con una prima parte abbastanza diretta, ma andando nel proseguo della canzone si può notare il notevole interplay tra i musicisti cosa che ho gradito molto con alcune venature progressive.

Recensione

One Day Closer

UNMASK - One Day Closer

(2017 - M.I.L.K. / Volcano Records & Promotion)

voto:

I romani Unmask, attivi dal 2006, fanno un alternative rock/dark progressive, che affonda le radici nelle sonorita’ proposte da gruppi come Porcupine Tree e Tool, donandogli un tocco piu’ oscuro e darkeggiante.

Recensione

Rituals Of Black Magic

DEATHLESS LEGACY - Rituals Of Black Magic

(2018 - Scarlet records)

voto:

Tre dischi in tre anni (e un quarto nel 2013) sono un traguardo prestigioso per un gruppo Metal, soprattutto in questo periodo storico. I Deathless Legacy dimostrano così una dedizione ed una professionalità nell’affrontare la propria avventura musicale decisamente “poco italiana”, se mi passate la citazione.

Counter

  • Site Counter: 1,817,299
  • Visitatori Unici: 114,785
  • Published Nodes: 5,811
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed