Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 2 visitatori collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    KARNAR
    Executions
  • Copertina
    OLD NICK
    Take A Look At The Sky
  • Copertina
    ONELEGMAN
    Event Horizon
  • Copertina
    VomitmantiK
    Devotio Ad Bestias
  • Copertina
    STEEL CAGE
    Syndrome
  • Copertina
    ORGG
    Dimonios
Copertina
KARNAR
Executions
Copertina
OLD NICK
Take A Look At The Sky
Copertina
ONELEGMAN
Event Horizon
Copertina
VomitmantiK
Devotio Ad Bestias
Copertina
STEEL CAGE
Syndrome
Copertina
ORGG
Dimonios
Recensione

Play Your Part

SANDNESS - Play Your Part

(2022 - ROCKSHOTS Records)

voto:

Scrivere di gruppi così conosciuti non è mai facile, soprattutto presentarli con la giusta lemma.

Ed ecco che mi rifarò da ciò che sento all’ascolto della loro musica in questo album.

 

Recensione

Sancta Menstruis

PONTE DEL DIAVOLO - Sancta Menstruis

(2022 - Io Pan Records/Wine and Fog Productions)

voto:

Recensire un mini non è sempre facile, 3 brani possono essere pochi per valutare una band-

Un'Ep oscuro questo dei Ponte del Diavolo, che si apre con '13', sonorità doom e decadenti, quasi un'impatto rumoristico a tratti.

'The Unborn' mette in luce la bella voce femminile, il brano non è per niente male, lento e cupo, con le clean vocali arricchite da sporadiche parti "sporche". La registrazione è buona e i suoni bilanciati, non è mai stucchevole e ha pochi rimandi a sonorità simili del black più depresso e morboso.

Recensione

Downfall And Torment

NANGA PARBAT - Downfall And Torment

(2021 - Sliptrick Records)

voto:

In questo periodo, in cui mi sono accinto a preparare questa recensione, mi sono imbattuto diverse volte nella cima himalayana da cui questa band ha preso il nome,

NANGA PARBAT, e tutte le volte, di questa terribile e temibile montagna è emersa l’estrema e letale (spesso) difficoltà nello scalarla, rendendola di fatto la cima più pericolosa al mondo.

Recensione

The Perfect Soundtrack for the End Of the World

DAVE SHADOW - The Perfect Soundtrack for the End Of the World

(2022 - Autoprodotto)

voto:

Ecco arrivare nelle mie mani, e nel mio player, il nuovo album solista di Dave Shadow dal titolo: The perfect soundtrack for the end of the world uscito lo scorso febbraio. 

Dave Shadow, per chi non lo conoscesse, è un polistrumentista, compositore, arrangiatore e produttore italiano. 

Intervista

SINISTER GHOST

Ciao a tutti,

abbiamo con noi i Sinister Ghost, band toscana il cui primo album The Dark Abyss of Omerty è stato recensito da poco su IDM (SINISTER GHOST - The Dark Abyss Of Omerty - Italia Di Metallo).

208083705_1985652058277524_114746477790880396_n
Recensione

Fire & Forget

LIVING TARGET - Fire & Forget

(2022 - WormHoleDeath)

voto:

In questi tempi moderni, non sempre così attraenti come quelli pre nuovo millennio, trovare band formate online non è più una novità. E così che nascono nel 2021 i Living Target, combo che vede tre musicisti provenienti da Italia, Germania e USA, cimentarsi in un modern punk dalle tinte melodiche.

Recensione

Microcosm

ALEX CARPANI - Microcosm

(2022 - Indipendent Artist Records)

voto:

Leggendo la biografia di questo artista si rimane letteralmente sbalorditi dalla profonda conoscenza del mondo musicale che Carpani ha fra le proprie corde. Nato a Montreaux (vi ricorda qualcosa questa città), in Svizzera, dopo aver cosneguito la laurea al D.a.m.s. di Bologna, si diploma presso la scuola di Mogol, il Cet, in composizione ed arrangiamento di musica da film. Per circa quindici anni ha scritto ed autoprodotto quantità industriale (sempre di pregevole fattura comunque) di musica strumentale spaziando dalla New Age al Drum 'n' Bass, dall'Elettronica alla musica per spettacoli teatrali e documentari.

Recensione

Unbounded

DEFECHATE - Unbounded

(2022 - Great Dane records)

voto:

Il primo impatto con i Defechate non è stato dei migliori, questo lo devo dire. La produzione mi ha lasciato francamente perplesso con la sua estrema separazione degli strumenti e la punta eccessiva della cassa che occupa in maniera ingombrante il centro del panorama stereo. La situazione migliora leggermente con l’ascolto in cuffia, che rivela anche un basso grasso e leggermente in saturazione, anche se continua a sentirsi l’assenza di glue tra i vari strumenti.

Recensione

To Rot Or Decay

APOLION - To Rot Or Decay

(2022 - Autoprodotto)

voto:

Il Black Metal ha la particolarità di rimanere sempre "di nicchia" ,di non farsi svendere ed assorbire totalmente dalla impostazione mainstream (nonostante qualcuno ci sia finito alla grande) e allo stesso tempo diffondersi e radicarsi ovunque e diventare un culto serio e solenne. Offre tutt'oggi svariate modalità di interpretazione ma senza snaturarsi ed attecchisce nell'humus culturale e non solo.

Recensione

..and the Black Bells Rang

OTTONE PESANTE - ..and the Black Bells Rang

(2022 - Aural Music)

voto:

Mi accingo a recensire gli Ottone Pesante per la seconda volta (qui la precedente) e resto sempre più sorpreso per la capacità compositiva della band, che si rinnova di volta in volta.

A partire da 'Black Bells of Destruction', si intuisce subito che parliamo di una band molto al d isopra del resto.
Sperimentali, preparatissimi musicalmente, riescono a fondere i suoni dei fiati (effettati ma mai troppo), con una base death metal molto intrigante.

Counter

  • Site Counter: 2,963,711
  • Visitatori Unici: 170,614
  • Published Nodes: 7,269
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed