Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 1 visitatore collegati.

Prossimi Eventi

I più Visti

Ultime Recensioni

  • Copertina
    IRONTHORN
    Legends of the Ancient Rock
  • Copertina
    FEED THEM DEATH
    Negative
  • Copertina
    HOT CHERRY
    Burnout
  • Copertina
    INFERNALIZER
    The Ugly Truth
  • Copertina
    DETONATION BOULEVARD
    Make Thrash Fat Again
  • Copertina
    LONGBLOND
    Lento is Dead
Copertina
IRONTHORN
Legends of the Ancient Rock
Copertina
FEED THEM DEATH
Negative
Copertina
HOT CHERRY
Burnout
Copertina
INFERNALIZER
The Ugly Truth
Copertina
DETONATION BOULEVARD
Make Thrash Fat Again
Copertina
LONGBLOND
Lento is Dead
Recensione

Hostile

ABORYM - Hostile

(2020 - Dead Seed Prod.)

voto:

Con una lunga carriera alle spalle, hanno partorito questo nuovo lavoro dopo circa due anni di gestazione rispetto alla precedente produzione. Mixato da Andrea Corvo vede come produttore Keith Hillebrandt, il cd dalla band viene definito come punto di riferimento per il nuovo movimento musicale con sonorità che slalomeggiano fra Industrial, Electro Rock e Metal.

Recensione

Opera Rock

MARCO D'ANDREA - Opera Rock

(2021 - RNC Music)

voto:

A distanza di ben nove anni torna a pubblicare un lavoro solista Marco D'Andrea, ai più noto come chitarrista dei Planethard. Ritorno che, come dicevo, avviene nove anni dopo il precedente 'Everything I Have To Say', che qualcosa bollisse in pentola si era intuito già lo scorso anno con l'uscita del singolo 'Mameli Rock' che in pieno lockdown aveva unito molti musicisti della penisola.

Recensione

Rage Of Creation

LUCUS - Rage Of Creation

(2021 - Autoprodotto)

voto:

Il bassista Donato Gallicchio conosciuto già dagli anni '80 con i Nothung e i Walkyria, torna sulle scene in collaborazione con la chitarrista Mara De Canio con questa sua nuova creatura chiamata Lucus. Un sestetto che ci propone un Ep di 4 brani devoti ad un heavy metal potente dal sapore vintage. Dopo l'uscita nei vari canali digitali l' ep disponibile dallo scorso 2 aprile esce in formato chiavetta usb a forma di vinile, racchiusa da una custodia in cartoncino che replica le caratteristiche di un tradizionale lp con copertina, scaletta sul retro e crediti digitali, direi molto originale.

Recensione

The Great Beast From The Sea

BIRD - The Great Beast From The Sea

(2021 - Olde Magick Records)

voto:

I Bird sono una heavy rock band proveniente da Napoli nata dalle ceneri di altre band della zona, questo è il loro nuovo lavoro dopo un mini Ep e due singoli è  lavolta di un mini album uscito ad aprile per l'etichetta USA Olde Magick Records. Cinque tracce che vanno oltre la semplice definizione di heavy rock.

Recensione

Apocryphal Diary

SLABBER - Apocryphal Diary

(2021 - Punishment 18 Records)

voto:

Ascoltando le prime note di 'Time Of Boredom' ho avuto l'impressione di trovarmi in un'altra epoca, quella in cui Iron Maiden e Malice erano ai vertici del metal mondiale, e se i primi lo sono anche adesso degli altri abbiamo perso le tracce dopo tante vicissitudini anche tragiche.

Recensione

Majors & Minors

TYGERS OF PAN TANG - Majors & Minors

(2021 - Mighty Music)

voto:





Di freschissima uscita (il 28 Maggio scorso) per l'etichetta discografica danese Mighty Music, questo Majors & Minors, degli “italianizzati” TYGERS OF PAN TANG , grazie alla presenza dell'ormai storico frontman Jacopo Meille e del nuovo acquisto alla chitarra Francesco Marras, raccoglie al suo interno il meglio della produzione più recente di questa storica formazione N.W.O.B.H.M., andando a pescare le perle più preziose di questi ultimi 13 anni, i nuovi classici, che non sfigurano affatto con i successi storici della band.

Recensione

Chaos Lord

DRAKKAR - Chaos Lord

(2021 - Punishement 18 Records)

voto:

La band è attiva dal 1995 ed ha caratterizzato la scena Epic e Power del panorama italico generale. La devozione, la perseveranza, la tenacia e l'impegno portati avanti da quasi tre decadi di produzioni, vedono in questo ultimo full - length i frutti di una sintesi virtuosa fra classicità mitologica musicale e schemi più aderenti alle più recenti sonorità.

Recensione

Another Vivid Detail

3 DREAMS NEVER DREAMT - Another Vivid Detail

(2021 - My Kingdom Music)

voto:

I milanesi 3 Dreams Never Dreamt, ci propongono un album dal sapore surrealistico e sperimentale. Fin dalla prima nota, dell'opener 'Interconnections', si capisce subito il lavoro e la consapevolezza della band. Ottima registrazione e interpretazione dei singoli strumenti, con tempi di stampo prog condita da un arrangiamento magistrale.

Il gusto della melodia è davvero ottimo, così come la pulitissima voce che accompagna tutti i brani. Con 'The Black Dressed Clown' si entra in un mood più oscuro, in cui un ritmo monolitico si alterna a chitarre pulite. Di rilievo il bel solo centrale, ispirato e tecnico al tempo stesso.

Recensione

A Dream of Fantasy

BLIND GOLEM - A Dream of Fantasy

(2021 - Andromeda Relix )

voto:

I Blind Golem, come tante altre realtà italiane ed internazionali, sono la dimostrazione che la "Magia" del grande hard rock degli anni 70 rimarrà eterno. Note sinuose ed accattivanti si uniscono a melodie incantevoli che sembrano prendere vita dal leggendario hard rock progressivo degli anni 70.

Musicalmente parlando i grandissimi Uriah Heep, i Deep Purple, Budgie e gli splendidi Lucifer's Friend appartengono a quel mondo che è stata grandissima fonte d'ispirazione per questa ottima formazione, scoperta dal talentuoso Fabio Serra dei Rosenkreutz, prodotta dall'attenta Andromeda Relix del guru Gianni Della Cioppa.

Recensione

Inizio Cantiere

THE UMARELS - Inizio Cantiere

(2020 - Autoprodotto)

voto:

Probabilmente la testata della nostra webzine non è molto chiara per alcuni, o forse non ne è palese il contenuto trattato, tant'è che qui in redazione a Italia di Metallo (e tengo a precisare metallo) è giunto questo lavoro del duo proveniente da Reggio Emilia. Probabilmente hanno voluto fare un piccolo scherzo, burlarsi un po' di quella fede dura e pura di noi vecchi e forse antichi scuotitori di teste, perchè altrimenti non si spiega la presentazione ad una webzine come la nostra di questi 14 pezzi che stanno fra il Pop moderno ed un Rock molto patinato e corretto nei contenuti prettamente musicali.

Counter

  • Site Counter: 2,845,928
  • Visitatori Unici: 150,741
  • Published Nodes: 7,571
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed