Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 4 visitatori collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    SilentLie
    Equilibrium
  • Copertina
    WALLS OF BABYLON
    Fallen
  • Copertina
    SPIRAL WOUNDS
    Shadows
  • Copertina
    TSENA KOEV
    Emotions In A Jar
  • Copertina
    3ONVEGA
    Kolorbloks
  • Copertina
    GOTHO
    Mindbowling
Copertina
SilentLie
Equilibrium
Copertina
WALLS OF BABYLON
Fallen
Copertina
SPIRAL WOUNDS
Shadows
Copertina
TSENA KOEV
Emotions In A Jar
Copertina
3ONVEGA
Kolorbloks
Copertina
GOTHO
Mindbowling
Recensione

Nyctophilia Movements

FUGIT - Nyctophilia Movements

(2022 - Autoprodotto)

voto:

Poche notizie sul progetto one man band denominato Fugit (Andrea Milan), così mi trovo nel player questo Ep intitolato 'Movement' e diviso in quattro parti. Il tutto per un folk acustico con passaggi dark/ambient, interessante ma non entusiasmante per i miei gusti. Le doti tecniche però non mancano, ogni brano ha una sua struttura elaborata, vari stop and go, che a mio personale parere avrebbero avuto maggiore consistenza in un processo più elettrico, ma questo è quello che Fugit ha messo in cantiere e noi ne rispettiamo l'impegno.

Su tutte si eleva la parte 'III', ma tutto l'Ep segue un percorso similare e sotto certi aspetti affascinante.

Recensione

Grains of Sand

ALBERTO RIGONI & MICHAEL MANRING - Grains of Sand

(2022 - Autoprodotto)

voto:

Acclamato da MetalPediaMX come album dell'anno, questa collaborazione tra il nostro Alberto Rigoni

Recensione

...Perchè in fondo lo squallore siamo noi

666 - ...Perchè in fondo lo squallore siamo noi

(2022 - Time To Kill Records/Hellnation Music)

voto:

Originariamente uscito, se la memoria non mi inganna, nel 2016 questo album vide l'esordio dei 666, nati da una costola dei Plakkaggio HC, il gruppo punk skinhead Oi! nativo di Colleferro (RM) e segnò una traccia indelebile nella mente degli ascoltatori, spiazzati da cotanta intraprendenza. A distanza di 6 anni la Time To Kill Records in collaborazione con Hellnation Music ci ripropone il tutto in edizione digitale.

Recensione

Feed The Monster

ONYRIA - Feed The Monster

(2022 - Onyria Records)

voto:

Band con un'età di attività di dieci anni, fondata dalla altoatesina Elena Pinna (alla voce) e Simon J. Gillman (alla chitarra) e che con gli ultimi innesti (Magagnose alla batteria e Fourny al basso) riesce ad arrivare ad una certa stabilità di formazione. Questo "Feed The Monster" è il secondo full-length dopo l'esordio nel 2015 e si presenta come un album che stanzia notevolmente in un'area Pop Rock con forti tinte di un certo Gothic moderno.

Recensione

Modern Lieder

NEFESH ACOUSTIC DUO - Modern Lieder

(2022 - Astral Music)

voto:

Nefesh Acoustic Duo, com’é intuibile dal moniker, è la derivazione acustica dei poliedrici Nefesh, progressive-alternative dalle Marche. 

Recensione

Asunder/Erode

FERUM - Asunder/Erode

(2022 - Unorthodox Emanations / Avantgarde Music)

voto:

Al loro primo full-lenght, dopo un EP rilasciato nel 2018, i Ferum colpiscono nel segno con un death-doom sepolcrale e lugubre, fondamentalmente impostato su tempi medi e rallentati e un riffing corposo e debitore nelle sue ispirazioni tanto alle radici del doom metal quanto al death metal più seminale e intransigente.

Recensione

Mediterraneo

EVEN FLOW - Mediterraneo

(2022 - Autoproduzione)

voto:

Per chi, come me, ha speso gli anni verdi della gioventù a inizio anni ’90, parlare di Even Flow avrebbe pavlovianamente evocato la bella faccia di Eddie Vedder e uno dei brani più rappresentativi della Grunge era, ma nel nostro caso, questo accostamento, ci avrebbe portato molto lontano dalla realtà che i nostrani Even Flow sono e propongono; infatti, già dall’accattivante grafica di copertina del loro “Mediterraneo” (opera oltretutto attualissima, di Mickael Briot di Mythrid Art ,in quanto ci trascina nell’atmosfera pandoriana recentemente riproposta al cinema dal maestro James Cameron) il gruppo ci fa capire che il loro campo di azione &egr

Recensione

Dracula (25 Years Anniversary)

THE MAGIK WAY - Dracula (25 Years Anniversary)

(2022 - My Kingdom Music)

voto:

A 25 anni di distanza dalla rappresentazione teatrale avvenuta al Castello di Pomaro Monferrato, la My Kingdom Music e i The Magik Way tirano fuori dalle segrete 'Dracula', colonna sonora di quello spettacolo diretto da Hermes Beltrame.  Questa opera, che in pratica fu la prima del gruppo piemontese è stata rimasterizzata lasciando comunque il suono originale, diverso dall'attuale status della band, ma non per questo avulso dalla loro carica esoterica.

Recensione

A New Tomorrow

RAIN - A New Tomorrow

(2022 - Autoprodotto)

voto:

Vi siete mai chiesti perché cade la pioggia? Chi ha deciso che è triste quando cade?

Io credo che la pioggia cade per lasciarci note musicali che se messe insieme creano brani come quelli che possiamo ascoltare in questo album.

Che si può dire di un gruppo storico come loro, si presentano da soli.

Recensione

Convergence

MISCREANCE - Convergence

(2022 - Unspeakable Axe Records)

voto:

Debut album per i tecnici death-thrasher Miscreance, che sin da subito ci fanno capire di che pasta sono fatti. I primi riff portano subito a mente quelli del grande Schuldiner, suonati alla grande e registrati in modo più che adeguato.

Mi è piaciuta tantissimo la voce e i super assoli, non me li aspettavo così belli davvero, segno di ciò che sto raccontando è l'opener 'Flame of Consciousness', niente di originale, ma consigliatissima per un fan dei Death come me.

Forse se proprio dovessi trovare qualcosa di negativo, è che i riff sono presi a piene mani dal repertorio di Chuck, ma per me è un plus.

Counter

  • Site Counter: 2,985,790
  • Visitatori Unici: 173,814
  • Published Nodes: 7,667
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed