Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 1 visitatore collegati.

Prossimi Eventi

Ultime Recensioni

  • Copertina
    DEATH SS
    Ten
  • Copertina
    ORGG
    The Great White War
  • Copertina
    TEJAS ASTRAS
    Alien Decadence
  • Copertina
    DARK REDEEMER
    Into The Deep Black
  • Copertina
    AEXYLIUM
    The Fifth Season
  • Copertina
    KORMAK
    Apocryphal
Copertina
DEATH SS
Ten
Copertina
ORGG
The Great White War
Copertina
TEJAS ASTRAS
Alien Decadence
Copertina
DARK REDEEMER
Into The Deep Black
Copertina
AEXYLIUM
The Fifth Season
Copertina
KORMAK
Apocryphal
Recensione

Oxymoron

SPIRITUAL DECEPTION - Oxymoron

(2021 - Autoprodotto)

voto:

Nuovo EP per la band milanese Spiritual Deception, “Oxymoron”, col loro delicatissimo Technical\Brutal Death Metal, iniziamo subito con l'ascolto.

Hidden in Consciousness”, vi sfiorerà come una fucilata alle tempie, ritmiche serrate, tecnicismi, ma anche intermezzi melodici, un piccolo universo chiuso dentro un unico brano.

Recensione

Universo 25

DEKA'DԐNTSA - Universo 25

(2021 - Zero Produzioni; 22 Dicembre Records)

voto:

I dischi che hanno qualcosa da dire non solo a livello strumentale ma anche dal punto di vista concettuale sono quelli che preferisco, specie quando si ispirano a casistiche e fatti realmente accaduti. 

Recensione

Il Fuoco Non Si E' Spento

BULL BRIGADE - Il Fuoco Non Si E' Spento

(2021 - Demons Run Amok Ent.)

voto:

Un sound metropolitano che può ricordare i vicini, per loro, Kina soprattutto quelli fino alla fine degli anni 80 con la pubblicazione del quarto album. Ma i pezzi presentati, oltre che a risentire dell'atmosfera che può mostrare una città come Torino in una giornata qualunque e tipicamente autunnale, hanno una certa solarità nel cantato che può far accostare la voce di Eugy, il singer della band nonchè il portavoce, a quella del frontman di uno dei gruppi che ha fatto della melodia, dentro i canoni della velocità hardcore, un marchio di fabbrica, e cioè i Bad Religion.

Intervista

EVEN FLOW

Ciao a tutti,

oggi è con noi Pietro Paolo Lunesu, storico collaboratore di Italia di Metallo nella sua veste di chitarrista, mastermind e fondatore di alcuni progetti tra i più acclamati degli ultimi anni, su tutti gli Even Flow, band che condivide assieme al fratello Giorgio, vero e proprio prodigio dietro le pelli.

236109142_10159890964443784_9150147882565812385_n 19942704_10155481488353784_5885787804513417024_o
Recensione

Burn the Ashes

ONIRICA - Burn the Ashes

(2021 - Vacula Productions/Bmc Productions)

voto:

Secondo Full Length per il one man black metal project Onirica, dietro cui si cela Andrea Donaera, 'Burn the Ashes', pubblicato nel Luglio 2021, si mostra con una cover che raffigura un dipinto di pura arte lugubre che ricorda la decapitazione di Oloferne.

Recensione

Angelica

OZORA - Angelica

(2021 - Rockshots Records)

voto:

Ascoltando 'Angelica' degli Ozora la domanda mi sorge spontanea: ma ci voleva così tanto a farmi felice (musicalmente parlando, eh)? Mi spiego: è da un po' che, recensendo, mi trovo di fronte a band valide, ma che a volte hanno un po' il punto debole del cantato in inglese, vuoi per la pronuncia non troppo adeguata o per qualche ingenuità lessicale e spesso ho invocato il tentativo di provare a fare qualche pezzo in italiano, non per una sorta di vuoto campanilismo, ma tanto per vedere l'effetto che fa. A volte ho trovato qualche band che ci avesse provato, secondo me riuscendoci in pieno. Ecco, i qui presenti Ozora fanno un disco tutto cantato in italiano e io godo.

Recensione

Kriminals

SHONAN - Kriminals

(2021 - Rocket Man Records)

voto:

Dalla pianura oltre l'appennino tosco emiliano proviene questa band formata da tre giovanotti volenterosi, i quali non si sono fermati e non hanno alzato bandiera bianca nemmeno di fronte alla grave crisi legata alla situazione mondiale che sta attraversando in diversa misura l'esistenza di tutti noi. Nell'aprile del 2020 erano già pronti a registrare questi dodici pezzi, ma hanno dovuto aspettare ed appena possibile si sono rinchiusi dentro i Real Sound Studios, dove insieme a Gilardoni e Gramegna hanno fatto nascere questo "Kriminals".

Recensione

Don't Close Your Eyes

JUMPSCARE - Don't Close Your Eyes

(2019 - Autoprodotto)

voto:

I napoletani Jumpscare sono solo una delle tante realtà che hanno deciso di trarre qualche vantaggio, a livello di esposizione, dallo sfruttamento dell’anniversario dei settecento anni dalla morte di Dante, il poeta-iniziato più saccheggiato, citato e “omaggiato” di sempre. In particolare, i nostri ragazzi decidono di lanciare una linea di merchandising dedicata al Sommo, in virtù di una citazione del canto XII (settimo cerchio, il fiume di sangue bollente Flegetonte e i suoi allegri bagnanti…) contenuta in un brano del loro primo album di due anni fa.

Recensione

L'Feu e la Stria

LUM - L'Feu e la Stria

(2021 - Nigredo Records)

voto:

Nei meandri dell'undeground e della musica più criptica ed estrema, più evocativa, maligna ma anche soave ed atmosferica emergono i LUM; band Black Metal che incentra le proprie tematiche e tonalità al folklore locale nostrano, storie di magia e stregoneria antiche quanto il mondo che continuano a riemergere nonostante il mondo moderno voglia distruggere a tutti i costi certe percezioni.  

Recensione

Comfort Zone

SMOKING ROGERS - Comfort Zone

(2021 - Seahorse Records)

voto:

Con una copertina proveniente dai sotterranei del reparto di radiologia del Fatebenefratelli, i cinque ragazzi romani sono con questo "Comfort Zone" all'esordio sulla lunga distanza. Sa quasi di autoproduzione dato che è stato finanziato e registrato da una delle due chitarre elettriche, Maurizio Lollobrigida e masterizzato con l'ausilio del bassista Alessandro Scerpa.

Counter

  • Site Counter: 2,877,304
  • Visitatori Unici: 158,513
  • Published Nodes: 8,453
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed