Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 1 visitatore collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    MARY MALLON'S
    Geneal Disease
  • Copertina
    SUN OF THE SUNS
    Tiit
  • Copertina
    ALBERTO RIGONI
    Metal Addicted
  • Copertina
    SPIRITUAL DECEPTION
    Oxymoron
  • Copertina
    DEKA'DԐNTSA
    Universo 25
  • Copertina
    BULL BRIGADE
    Il Fuoco Non Si E' Spento
Copertina
MARY MALLON'S
Geneal Disease
Copertina
SUN OF THE SUNS
Tiit
Copertina
ALBERTO RIGONI
Metal Addicted
Copertina
SPIRITUAL DECEPTION
Oxymoron
Copertina
DEKA'DԐNTSA
Universo 25
Copertina
BULL BRIGADE
Il Fuoco Non Si E' Spento
Recensione

Moonshiny Tales: The Torment And The Rapture

DESECRATE - Moonshiny Tales: The Torment And The Rapture

(1999 - Mephisto Rec.)

voto: 7.5/10




Tornano i genovesi Desecrate, a 9 anni dallo scioglimento, e dunque, nell'attesa di un nuovo lavoro, si torna a parlare deil loro primo- e per ora unico- album, vale a dire 'Moonshiny Tales: The Torment And The Rapture', originariamente pubblicato nell'ormai lontano 1999.

Recensione

Sound and Fury

ACRYLATE - Sound and Fury

(2006 - Autoprodotto)

voto: 8/10

 Demo risalente al 2006 ma, a mio avviso, degno di nota. Parlo dei crotonesi Acrylate, fautori di un Ultra Metal (a dir loro), e di un buon Thrash Metal (detto dal sottoscritto). Ascoltando 'Sound and Fury' ho avuto modo di notare influenze da un pò tutta la scena thrash, dai Metallica (dei tempi d'oro) ai Kreator, agli Slayer,ai Sodom. Si inizia con 'Word of Lies', pezzo molto ben riuscito, partendo da un attacco di batteria per partire con una melodia trascinante molto old school guarnita da una ritmica di matrice hardcore americano nel ritornello, per finire con una bella sfuriata. 'The Calling' inizia molto sulfurea per sostenersi su un giro sonoro davvero da headbanging, qui si intravedono aloni Slayer-iani (periodo South of Heaven).

Recensione

Promo Live Studio 2010

FORGOTTEN HOPE - Promo Live Studio 2010

(2010 - Autoprodotto)

voto: 8/10

 Eccoci alla prima prova su disco dei calabresi Forgotten Hope,band che ho avuto modo di vedere più volte in sede live con vero piacere.Per chi non li conoscesse,la band propone un melodico death metal dalle forti tinte gotiche,per farvi un idea,questi ragazzi sono sicuramente grandi fans dei celebri My Dying Bride,Type O Negative e Moonspell.Apre il promo 'After the void' con la sola chitarra iniziale per poi partire il resto della band con ottima bravura tecnico-compositiva,non sempre ho il piacere di scoprire bei ascolti come quello in questione.Il pezzo risulta avvolgente ed emotivamente sentito.Segue 'Echoes from silence' ,piacevolissimo e con in mezzo un mid-tempo davvero azzeccato,buono il lavoro di Angelscream dietro al microfono,con l'alternanza di clean vocals evoc

Recensione

Grind Canyon

BUFFALO GRILLZ - Grind Canyon

(2010 - Gangastaparadise Rec.)

voto: 9/10

Come preannunciato nel live report fatto al release party di "Grind Canyon" a Roma, eccomi qua a recensire lo stesso. Riepilogando che la band è composta da quattro grandi del genere e cioè : Enrico  Giannone degli Undertakers, Cinghio dei The Orange Man Theory lì bassista e qui riffmaker, Gux degli Tsubo e Mastino dei Dr.Gore scendiamo nella descrizione di questo lavoro.

Recensione

When I'm Not

CONDITIONBLACK - When I'm Not

(2010 - Arctic Music Group/Goodfellas)

voto: 7/10

Nati nel 2006 da un'idea del chitarrista Michele Santamaria i liguri Conditionblack sono dediti a un rock semplice ma efficace con venature metal che fanno tanto di alternative, detto così sembra un prodotto come tanti, ma se sono arrivati a firmare per gli americani della Arctic Music Group un motivo ci sarà!  Intanto la voce di Sara Giovinazzo dà una carica ad ogni brano col suo timbro caldo e modulato che si adatta al genere proposto, il basso di Francesco Molinelli è quanto di meglio ascoltato ultimamente, e la batteria di Chris Parisi dà ritmo ad ogni brano anche il più melodico.

Live Report

Deicide + Marduk + Vader + Decapitated + Subhuman + Hellvate

18 Maggio 2010

Black Out-Roma







DSCN7218 DSCN7212 DSCN7225 DSCN7215
Recensione

Beginning the end of Everything

AMMONAL - Beginning the end of Everything

(2010 - Autoprodotto)

voto: 9.5/10

Quello che non ti aspetti, una giovane band formata da neanche due anni, autoprodotta, senza contratto e pensi sarà la solita cagata scopiazza svedesi, dato il death proposto e invece.. sti cazzi! Si parte con la title track che è una specie di lunga intro, poche vocals molta musica e melodie che danno strane sensazioni!

Recensione

Sino al Sole

INARRESTABILI - Sino al Sole

(2010 - SG Records)

voto: 5.5/10

Giunti al secondo album dopo un precedente Ep autoprodotto i Sassaresi Inarrestabili propongono un punk-rock all'italiana come lo definiscono loro stessi. Che deve molto indubbiamente a band più o meno "anziane" del panorama italico, Derozer, FFD (quelli non troppo seri..) per citarne un paio, sinceramente pur avendo io una discreta passione per certo punk questo cd non mi entusiasma affatto. I testi spesso fondamentali in questo genere svariano da problematiche sociali a cose più superficiali, ma senza mai colpire a fondo, si salva forse "Lontano dalla tua Realtà" che non a caso è anche il più lungo del lotto.

Recensione

Created 4 Self-Destruction

Recensione

Shadow Life

DISBELIEVER - Shadow Life

(2009 - Autoprodotto)

voto: 6/10


I Disbeliever sono un quintetto gothic metal pisano formatosi nel 2008. Completata la formazione, è stato immediatamente dato alle stampe un demo autoprodotto intitolato 'Shadow Life', per poi poter lavorare in direzione di un full-lenght (che, a quanto mi risulta, dovrebbe essere stato completato a gennaio; il titolo è 'Soul Divided').

Counter

  • Site Counter: 2,867,704
  • Visitatori Unici: 156,137
  • Published Nodes: 8,194
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed