Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.

Prossimi Eventi

Ultime Recensioni

  • Copertina
    IRONWILL
    Breakout
  • Copertina
    TRICK OR TREAT
    The Unlocked Songs
  • Copertina
    IREFUL
    The Walls of Madness
  • Copertina
    GRENDEL
    Spirit
  • Copertina
    NEKER
    Slower
  • Copertina
    GREAT MASTER
    Thy Harbour Inn
Copertina
IRONWILL
Breakout
Copertina
TRICK OR TREAT
The Unlocked Songs
Copertina
IREFUL
The Walls of Madness
Copertina
GRENDEL
Spirit
Copertina
NEKER
Slower
Copertina
GREAT MASTER
Thy Harbour Inn
Recensione

"Corridors"

MIDRYASI - "Corridors"

(2009 - Iron Tyrant)

voto: 9/10

Provenienti da Gallarate, in provincia di Varese, i Midryasi si sono formati nel 2002 e ora arrivano al secondo lavoro dopo un interessante esordio omonimo nel 2005 e una lunga pausa dalla sala di incisione, durante la quale hanno suonato in Italia e all’estero con nomi del calibro di Witchcraft, The Heads, Doomraiser, Zippo e Wall of Sleep. La musica proposta da questo power trio è un heavy-psych ad alto tasso di acidità con influenze doom metal e space (anche kraut!) rock. Rispetto all’esordio, "Corridors" fa registrare un deciso salto di qualità, combinando tutta l’attitudine lisergica e “spaziale” dei nostri con un approccio molto maturo, focalizzato e anche originale.

Recensione

Brutal Realities

SUFFER IN SILENCE - Brutal Realities

(2009 - SG Records)

voto: 8/10

 

Dalla romagna oggi abbiamo per voi i Suffer in Silence quartetto attivo dal 2002 che non ha potuto evitarsi il solito calvario legato ai cambi di formazione.

Recensione

The Cold Absence of Sound

EVILLIVE - The Cold Absence of Sound

(2009 - Autoprodotto)

voto: 6.5/10

I tarantini Evillive interpretano un death metal di matrice svedese, con chiare sfumature gothic, sia nel sound che nelle tematiche, tanto da rendere questo "The Could Absence of Sound" quanto mai particolare, senza cadere nella monotonia.
Intro, e "Prelude to Apocalypse", nulla da dire.

Intervista

Absinthe

Eccoci qua con l'intervista agli Absinthe band recensita alla grande sul nostro sito come vi ricorderete nel caso così non fosse vi inito a rileggerla qui

 

 

1. Come nasce e si evolve il progetto ABSINTHE?

 

Recensione

Fragments

HATE INC. - Fragments

(2009 - Autoprodotto)

voto: 8.5/10


Gli Hate Inc. muovono i primi passi nel 2002 come one-man band ruotante intorno alla figura del cantante e polistrumentista Vincent Vega; è solo nel 2007 che diventano un gruppo a tutti gli effetti, completando il quintetto che costituisce l'attuale formazione.

Recensione

Abracadabra

THE FIRE - Abracadabra

(2009 - Valery Records)

voto: 9/10

Nati nel 2005 dalla fusione di Shandon e Madbones i The Fire giungono al loro secondo lavoro sulla lunga distanza, e lo fanno alla grande! Olly ex cantante dei mitici Shandon (quanto li amavo..) guida alla grande il combo, che come succede spesso in Italia è più conosciuto all'estero che in madrepatria, ma non c'è ovviamente da meravigliarsi!

Recensione

Another Kind of Evil

Nemesis Inferi - Another Kind of Evil

(2009 - Autoprodotto)

voto: 8.5/10

Era un pò che aspettavo di recensire il full dei bergamaschi N.I., e devo dire che la mia attesa è stata premiata..
I leoni feriti quando si rialzano sono delle splendide creature immensamente pericolose…questo perché ci troviamo di fronte ad una band che ha colto pienamente lo spirito della musica che suona, chi si abbatte è perduto, ma inversamente chi si rialza e riesce a far suo quello spirito che è tutta passione, attitudine e perseveranza, arriva, non senza sacrificio, a farci pervenire alle menti questo tipo di piccoli capolavori che attualmente ho nel mio lettore.

Live Report

JADISH

11 Dicembre 2009

Vertigo (ex Miura club)-Messina

Foto report a cura di Grace Maccarrone

DSCF5102 DSCF5104 DSCF5105 DSCF5108
Recensione

After Midnight

BLOODSHED - After Midnight

(2009 - Autoprodotto)

voto: 6.5/10

I sardi, da Ozieri e Sassari più precisamente, Bloodshed sono a mio parere un gruppo veramente curioso, e ciò per vari motivi. Il primo dei quali riguarda il nome che si sono scelti, che ad alcuni potrebbero forse farli apparire come una putrida realtà black/death metal sulla scia dei vari Bestial Warlust, Conqueror et similia, come fra l’altro ipotizzai dalla loro scheda presente su Metal-Archives, con scritto proprio il (sotto)-genere sopraccitato.

Live Report

Beata Beatrix

01 Gennaio 2010

Jungle Music Safari

Counter

  • Site Counter: 2,860,652
  • Visitatori Unici: 154,416
  • Published Nodes: 7,930
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed