Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.

Prossimi Eventi

I più Visti

Ultime Recensioni

  • Copertina
    CHRONICLES OF HATE
    The Birth Of Hate
  • Copertina
    LICANTROPY
    Extrabiliante
  • Copertina
    ONIROMANTIC
    Chaos Frame
  • Copertina
    TETHRA
    Empire Of The Void
  • Copertina
    THE ONEIRA
    Injection
  • Copertina
    THE LU SILVER STRING BAND
    Rock 'n' Roll Is Here to Stay
Copertina
CHRONICLES OF HATE
The Birth Of Hate
Copertina
LICANTROPY
Extrabiliante
Copertina
ONIROMANTIC
Chaos Frame
Copertina
TETHRA
Empire Of The Void
Copertina
THE ONEIRA
Injection
Copertina
THE LU SILVER STRING BAND
Rock 'n' Roll Is Here to Stay
Recensione

Pictures

VIRTUAL TIME - Pictures

(2020 - Go Down Records)

voto:

Questo disco, disponibile esclusivamente in formato vinile, è in tutto e per tutto un greatest hits della ideale pentalogia, quattro dischi inediti e una raccolta dei migliori  brani eseguiti live, che accompagna il gruppo di Bassano del Grappa nell'ultimo anno.

La band affonda le proprie radici nell' Hard rock anni 70 la cui matrice, a mio parere cosi' marcata, taglia un po' le gambe a questi brani che perdono su disco quel mordente che avrebbe sicuramente dato al sound della band in toto una dimensione ancora piu' godibile.

Recensione

Old But Gold

ANDEAD - Old But Gold

(2020 - IndieBox Music)

voto:

Anticipato dal singolo 'Downtrodden' il nuovo ep dei punk rockers milanesi 'Old But Gold' è uscito a fine febbraio e puntualmente è arrivato in redazione. La band formata nel 2007 da Andrea Rock ha all'attivo 4 cd e moltissime date in compagnia dei migliori acts internazionali quali: Old Firm Casuals, Misfits, The Damned, Bad Religion, Social Distortion e molti altri. 

Il tema portante di questo Ep è il decorso del tempo, pezzi di vita, frames di tredici anni di attività della band che si interroga sul significato di fare musica oggi. Il lavoro per la prima volta è corale, ogni componente ha messo la sua esperienza e il suo background per la miglior riuscita possibile. Ci saranno riusciti? Vediamo.

Recensione

Plasmatic Idol

GIOBIA - Plasmatic Idol

(2020 - Heavy Psich Sound)

voto:

Decisamente particolare questo quartetto milanese dei Giobia. Acid rock ma anche e soprattutto psichedelia, space rock e perchè no progressive. Una mistura di generi che sfociano in questo 'Plasmatic Idol' uscito per Heavy Psich Sound a inizio anno.

E' il loro terzo lavoro ma suona molto maturo, brani come 'In The Dawn Light' emergono dalle loro lande siderali, space rock con voce effettata, suoni distorti e puliti si manifestano alternandosi con sapienza.

Recensione

The Rain Under

INNO - The Rain Under

(2020 - Time To Kill)

voto:

Chitarre acustiche dal sapore malinconico, accompagnano una voce dolce e al tempo stesso incisiva, registrazione di qualità che subito salta all'orecchio, benvenuti nel mondo degli Inno.

Tempi prog, con tratti dark e gotihic, suoni calibrati alla perfezione per il genere, aprono le danze in 'Suffocate', alternati alle sopracitate chitarre acustiche.

Si evince immediatamente la preparazione tecnica della band, capacità compositive e individuali, con la parte finale del brano che diventa soffusa per poi tornare carica come prima.

'The Hangman' è scorrevole, con una buona parte strumentale finale, fatta di cambi di tempo e melodie.

Recensione

Molla L'Osso

DOG'S MACHETE - Molla L'Osso

(2019 - Areasonica Records)

voto:

Ennesima recensione in ritardo abissale rispetto all'uscita del cd, avvenuta ormai un anno fa. Stavolta a fare le spese dei nostri cronici ritardi sono i Dog's Machete, quartetto proveniente da Latina autore di un punk'n'roll con virate surf.

'Molla L'Osso' è la seconda uscita ufficiale della band formata nel 2014, molto attiva in sede live, ci propone 11 brani cantati in lingua madre che ci parlano di violenza, notti insonni, rabbia e disagio sociale nei quartieri periferici. Così come si evince già dal primo brano dal titolo inequivocabile di 'Disagiato'.

Recensione

Till Autumn Comes

ILIENSES TREE - Till Autumn Comes

(2020 - Maculata Anima Rec.)

voto:

Dopo le due demo: “2014 B.C”, nel 2014 e “Edda” nel 2016, tornano nel 2020 più pronti che mai, a devastare qualsiasi animo doom e non, gli Ilienses Tree.

'Till Autumn Comes' è uno dei lavori doom più elaborati degli ultimi anni. Loro sono sardi e sono degli artisti più che validi, attualmente sono cinque i membri e sono uno dei gruppi più completi, in quanto non manca nulla, dalla voce alle percussioni, basso ed infine le due chitarre, caratteristica che apprezzo molto perché secondo il mio parere si riesce a dare un tocco personale e definito maggiore.

Recensione

Duets

FELINE MELINDA feat. Doris Albenberger - Duets

(2019 - Autoprodotto)

voto:

Ogni volta che mi giunge notizia di una nuova produzione targata Feline Melinda, il mio cuore di vecchio metallaro batte forte in attesa di poter ascoltare quanto di buono il quartetto alto atesino è stato in grado di pubblicare.

Lontani i tempi degli esordi speed metal, i Feline Melinda si sono assestati sul versante melodic metal rock, nel quale possiamo considerarli degli autentici maestri, producendo brani semplici di facile presa intrisi di riff e assoli virtuosi. 

Recensione

Nouccello

NOUCCELLO - Nouccello

(2019 - Vina Records/Scatti Vorticosi Records)

voto:

Trio proveniente dall'Abruzzo, i Nouccello, esordiscono con questo omonimo album. Post-Rock, Post-Punk o Punk hardcore nichilistico come volete interpretarlo voi. Si perchè definire gli otto pezzi che lo compongono non è assolutamente facile.

Recensione

Kein

KEIN - Kein

(2020 - Sliptrick Records)

voto:

I Kein mi erano stati proposti come gruppo thrash/black, trovare informazioni sulla band in giro per la

Recensione

Rise Of The Empire

ADE - Rise Of The Empire

(2019 - Extreme Metal Music)

voto:

“…who takes the heart of the people conquers Rome…”

 

Quarto full-length per i capitolini Ade, nuovamente ispirati dalle geste di ciò che fu.

La passione ed il culto per la storia che fece grande l’Urbe in tutto il mondo conosciuto, non tramonta, neanche dopo il riassestamento netto avuto dalla line-up.

Guidati saldamente da Fabivs (Fabio Palazzola) alla chitarra ritmica, gli Ade rilasciano questo 10 tracce + intro, di massiccio death metal con influenze folk.

Counter

  • Site Counter: 2,346,220
  • Visitatori Unici: 132,432
  • Published Nodes: 6,158
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed