Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    RAJ
    RAJ
  • Copertina
    DOCTOR CYCLOPS
    Local Dogs
  • Copertina
    WAKEUPCALL
    If Beethoven Was A Punk
  • Copertina
    LUCIO MANCA
    An Old Man's Sad Story
  • Copertina
    ARTHEMIS
    Blood Fury Domination
  • Copertina
    IMAGO IMPERII
    Legendaria
Copertina
RAJ
RAJ
Copertina
DOCTOR CYCLOPS
Local Dogs
Copertina
WAKEUPCALL
If Beethoven Was A Punk
Copertina
LUCIO MANCA
An Old Man's Sad Story
Copertina
ARTHEMIS
Blood Fury Domination
Copertina
IMAGO IMPERII
Legendaria

 DigUp

 

Rocker del Mese

Cassandra

Maggio 2017

Fotografia
Intervista

Evil Never Dies

In una fresca serata di marzo ho avuto il piacere di incontrare i thrashers campani Evil Never Dies al completo, che ci hanno parlato del loro ultimo lavoro,Ekpyrosis, degli ultimi cambi di line up, e la firma sotto Via Nocturna. Vediamo cos'hanno in serbo, nel dettaglio, per  noi!

 

Recensione

Ekpyrosis

EVIL NEVER DIES - Ekpyrosis

(2017 - Via Nocturna)

voto:

"E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce (Giovanni, III, 19)", recita così il retro del booklet di questo nuovo cd dei partenopei E.vil N.ever D.ies, realtà ormai affermata del panorama thrash tricolore. Di loro ho già avuto modo di parlarvi in termini entusiastici nei due precedenti lavori 'De Maleficiis' e 'Sulphur Paintings' che hanno visto sviluppare e progredire musicalmente il trio, attivo dall'ormai lontano 1990.

Recensione

Fall Into Disgrace

SLEAZER - Fall Into Disgrace

(2017 - Inferno Records)

voto:

Nati nel 2011 a Senigallia, dopo la pubblicazione di un demo nel 2014 e con alle spalle una intensa attività live che li ha portati a condividere il palco con, tra gli altri, Ancillotti e Vision Divine, gli Sleazer arrivano finalmente alla pubblicazione del primo album 'Fall into Disgrace'. La band marchigiana ha le sue radici ben piantate nel metal degli anni '80 e '90 e soprattutto nel power di matrice tedesca, come testimoniato da 'Heroes of Disgrace' che apre l'album al termine di una overture dal sapore fantascientifico.

Recensione

Ursa

NOVEMBRE - Ursa

(2016 - Peaceville Records)

voto:

“Union Des Republiques Socialistes Animales” era il titolo che il grande scrittore George Orwell aveva in mente originariamente per il libro che poi sarebbe stato pubblicato e reso noto a tutti come “La Fattoria degli Animali”.

Recensione

Hereafter

CROMO - Hereafter

(2016 - Autoprodotto)

voto: 8.5/10

Attivi dal 2006, con un demo, con numerose collaborazioni e un’intensa attività live alle spalle, i Cromo ci presentano il debutto discografico ufficiale su lunga distanza, registrato agli Aemme studio sotto la guida di Salvatore Addeo, mentre il mastering è stato effettuato ai Metropolis Studios di Londra (Led Zeppelin, Queen…). Dodici tracce di heavy metal puro e crudo che seppur dedito all’assalto, non tralascia gli aspetti più atmosferici e malinconici.

Live Report

Enio Nicolini Vynil Release Party + Graal @ Circus

22 Aprile 2017

Scandicci (FI)

Serata di gala al Circus Club di Scandicci per la presentazione del vinile di 'Heavy Sharing', disco solista di Enio Nicolini storico bassista della scena metal italiana, disco già uscito in versione cd.

1 2 3 4
Recensione

Malamente

NO MORE FEAR - Malamente

(2016 - Memorial Records)

voto:

"Malamente" è il nuovo capitolo discografico dei No More Fear, death metal band attiva già da parecchi anni, che segue il precedente album "Mad(e) in Italy".

Recensione

The Long Way

KLEE PROJECT - The Long Way

(2016 - Memorial Records)

voto:

Caso particolare quello del Klee Project, progetto - appunto - che calcando il trend statunitense di formare all-star-bands mette insieme artisti d' estrazione ed influenze diverse, riuscendo tuttavia a proporre un lavoro organico , fluido e molto raffinato.

Recensione

Truffando Vicentini

BASTARDI PUTRIDI DI VICENZA - Truffando Vicentini

(2017 - Sunprod)

voto:

Qui più che di grindcore si potrebbe parlare di autentica denuncia sociale. Come si evince dal nome della band e dal titolo del cd si parla di cose alquanto serie riguardanti uno dei tanti fatti di cronaca relativi al sistema marcio con cui vengono e venivano gestite le banche nel nostro belpaese.

Parlare del cd potrebbe ridursi a questo, i testi sono molto forti e diretti, la musica è un accozzaglia di suoni nel classico stile che il genere richiede, 18 pezzi brevi, autentiche schegge cariche di adrenalina e veleno.

Counter

  • Site Counter: 1,271,889
  • Visitatori Unici: 95,103
  • Published Nodes: 5,717
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed

 

 

Succede su facebook

Consigliati da Facebook