Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 1 visitatore collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    WATER CRISIS
    Sleeping Sickness
  • Copertina
    ORPHAN SKIN DISEASES
    Dreamy Reflections
  • Copertina
    DESOUNDER
    Desounder
  • Copertina
    EVERSIN
    Armageddon Genesi
  • Copertina
    FORMALIST
    No One Will Shine Anymore
  • Copertina
    KANSEIL
    Fulìsche
Copertina
WATER CRISIS
Sleeping Sickness
Copertina
ORPHAN SKIN DISEASES
Dreamy Reflections
Copertina
DESOUNDER
Desounder
Copertina
EVERSIN
Armageddon Genesi
Copertina
FORMALIST
No One Will Shine Anymore
Copertina
KANSEIL
Fulìsche

Recensione

Fingerprints

HOGS - Fingerprints

(2017 - Red Cat Records)

voto:

Sgombriamo subito il campo da ogni minimo dubbio: i quattro sanno suonare e lo dimostrano in ogni singola traccia. Non si può certo affermare che vi siano errori di tecnica; la giovane ugola di Simone Cei ben si amalgama con la chitarra di Francesco Bottai dando prova di un buonissimo affiatamento.

Recensione

End Of Mankind

ADVERSOR - End Of Mankind

(2018 - Punishment 18 Records)

voto:

Salve, salvino fratelli e sorelle dal metallo pesante nel sangue, oggi è giorno di recensione ed è il turno degli Adversor, gruppo vicentino/veronese che propone un thrash metal bello solido e ignorante, ma veniamo alle cose serie, iniziamo questa benedetta recensione.

Fin da subito gli Adversor non fanno mostra di timidezza alcuna sfoggiando un thrash duro e aggressivo. La matrice dal quale scaturisce il sound e il mood della Band è sicuramente quella del thrash tedesco alla Kreator mescolato con influenze più prettamente americane.

Recensione

Ready To Take A Ride

KICKSTARTER RITUAL - Ready To Take A Ride

(2017 - Autoprodotto)

voto:

Dalla copertina mi aspettavo di ascoltare infinite cavalcate epiche di 20 minuti l'una ed invece nulla di tutto questo.

E' da cinque anni che, Fortu picchia le pelli della sua batteria e canta a scquarciagola del marcissimo Rock and Roll.

Recensione

Threshold Of Time

DAYLIGHT SILENCE - Threshold Of Time

(2018 - Red Cat Records)

voto:

I Daylight Silence si formano in quell’aulica città che fu il centro del mondo in epoca antica, nella città da cui molte somme figure culturali trassero ispirazione per scrivere la loro storia nel mondo. Si dice che tutte le strade portino ad Essa, come un grande labirinto con un unico centro e una sola uscita.

Recensione

Fallen America

PACINO - Fallen America

(2018 - Sneakout Records)

voto:

I non più giovanissimi Pacino (ci vuole coraggio a dare un nome così impegnativo al proprio gruppo) pescano nel torbido con questo "Fallen America".

Muovendosi a proprio agio fra una selva sonora intrisa di Garage e di old Rock, i quattro ci regalano questi otto pezzi di non facile approccio.

Recensione

CCCover

CELEB CAR CRASH - CCCover

(2018 - Zeta Factory)

voto:

Con questo Ep di 5 brani i Celeb Car Crash omaggiano con altrettante cover i seguenti protagonisti del rock mondiale: Peter Gabriel, The Cardigans, The Beatles, MGMT e David Bowie.

Lo fanno con rispetto cercando di non stravolgere troppo le versioni originali ma portando comunque le loro idee e il proprio stile di puro rock all'interno del sound originale di ogni singola canzone.

'Sledgehammer' è decisamente simile all'originale con la differenza di un muro sonoro meno poppeggiante, un basso (Alex Crini) che pulsa dall'inizio alla fine, chitarre graffianti e un singer all'altezza del compito.

Recensione

Stay Steel

CRYING STEEL - Stay Steel

(2018 - Pride & Joy)

voto:

Tra i prime mover del metal tricolore i bolognesi Crying Steel sono da sempre una delle band più apprezzate e seguite dal pubblico, dopo il ritorno del 2007 e la conferma del 2013 eccoli di nuovo in pista, discograficamente parlando, con questo album dal titolo imperativo di 'Stay Steel'!

Recensione

Stamina

HEAVENBLAST - Stamina

(2018 - Music Force)

voto:

Attivi dal 1995 e con vari lavori alle spalle, gli HeavenBlast tornano dopo anni di silenzio, tra pause e cambi di line-up, con questo ‘STAMINA’ , lavoro particolare forte di nove brani pubblicato nel febbraio 2018 sotto Music Force.

Recensione

Out-Side

IN-SIDE - Out-Side

(2017 - Andromeda Relix/GT Music)

voto:

Il progetto In-Side proviene da Torino ed è composto da ben 7 elementi, infatti oltre al fondatore Saal Richmond (tastierista e compositore) la band si avvale della presenza alle chitarre di Abramo De Cillis e Cloud Beneventi, al basso di PJ Philip, alle tastiere di David Grandieri, la batteria di Marzio Francone (anche ingegnere del suono nonchè produttore dell'album) e della voce di Beppe Jago Careddu, nome già conosciuto della scena (Madwork, Burning Rome e Desdemona).

Recensione

Concealed In The Shadow

GRIND ZERO - Concealed In The Shadow

(2018 - Punishment 18 Records)

voto:

Grind Zero sono una band nata nel 2011 dedita a un  Death old school di stampo svedese. I suoni ricordano le tante band scandinave degli anni 90, le chitarre sono ispirate ai Dismember, le composizioni variegate ma attinenti al genere con un ottima performance vocale.

Si parte con 'Soul Collected' diretta ma con molte variazioni che tengono attento l'ascoltatore, belli davvero i suoni e ottima la registrazione. Si prosegue con 'Corrosion' classica nell'incedere, con una buona prova solistica nella media.

Counter

  • Site Counter: 1,751,462
  • Visitatori Unici: 112,680
  • Published Nodes: 5,794
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed