Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 1 visitatore collegati.

Prossimi Eventi

I più Visti

Ultime Recensioni

  • Copertina
    CHRONICLES OF HATE
    The Birth Of Hate
  • Copertina
    LICANTROPY
    Extrabiliante
  • Copertina
    ONIROMANTIC
    Chaos Frame
  • Copertina
    TETHRA
    Empire Of The Void
  • Copertina
    THE ONEIRA
    Injection
  • Copertina
    THE LU SILVER STRING BAND
    Rock 'n' Roll Is Here to Stay
Copertina
CHRONICLES OF HATE
The Birth Of Hate
Copertina
LICANTROPY
Extrabiliante
Copertina
ONIROMANTIC
Chaos Frame
Copertina
TETHRA
Empire Of The Void
Copertina
THE ONEIRA
Injection
Copertina
THE LU SILVER STRING BAND
Rock 'n' Roll Is Here to Stay
Recensione

In Sanctitate, Benignitatis non Miseretur

DEVIATE DAMAEN - In Sanctitate, Benignitatis non Miseretur

(2019 - Masked Dead Records / Vomit Arcanus Productions)

voto:

Questo album è il risultato di ben tre anni di lavoro di cinque artisti, i Deviate Damaen, gruppo la cui origine risale al 1991 nei pressi di Roma. Con quattro album alle spalle, pubblicano durante l'ultimo anno appena finito, il loro quinto e ultimo, al momento, lavoro, "In sanctitate, benignitatis non miseretur", per Masked dead records / Vomit arcanus productions.

Recensione

Colloqui con il Satana

PADUS - Colloqui con il Satana

(2019 - Autoprodotto)

voto:

Ad un'ascolto superfluo "Colloqui con il Satana", nuovo album della one man band Padus, potrebbe risultare ostico e difficile da capire nella sua interezza.
Il Dark Sound italiano, a differenza di quello estero, è ispirato dalla sacralità e dalle leggende mistiche che emergono in ogni luogo e in qualsiasi momento storico.
I Padus, come un buon film anni60/70, riescono ad evocare quelle tradizioni musicali che Artisti come Jacula /Antonius Rex hanno saputo inchiodare nella storia della musica oscura ma inserendo le atmosfere del doom sound che in tanti devono ai Pentagram.

Recensione

Mad-e In Italy (Ep 2019)

ZORA - Mad-e In Italy (Ep 2019)

(2019 - Autoprodotto)

voto:

Non le mandano certo a dire i calabresi Zora, in attesa del nuovo album, infatti il trio death metal ci regala un Ep decisamente duro e crudo dove tramite 3 cover e una intro si spara a zero verso la nostra nazione in preda ad una deriva razzista, repressiva e di intolleranza come non si vedeva dai tempi cupi di un secolo fa. Non vogliono butttarla in politica, ma solo far pensare e riflettere, a voi l'ardua sentenza!

Recensione

The Wildest Season

DREAM COMPANY - The Wildest Season

(2019 - Tanzan Music)

voto:

Capitanati da una nostra vecchia conoscenza, Giulio Garghentini alla voce, i Dream Company approdano all'esordio discografico dopo oltre un decennio di storia e 600 concerti all'attivo come tribute band di Bon Jovi.

Lo fanno con questo album intitolato 'The Wildest Season' uscito per la Tanzan Music, che di dischi di qualità se ne intende. Qualità indiscussa che accompagna le dieci canzoni che lo compongono, foriere di un classic hard rock con venature melodiche.

Recensione

Again

INNERLOAD - Again

(2019 - Ghost Record Label)

voto:

Potenza, energia e riff melodici che vanno a comporre questo mix di ingredienti che tendono a delineare il suono della band, diretto e con pochi fronzoli.
Questi elementi, i testi diretti ed attuali di Marco Cortese, vanno ad affondare le radici nel metal classico con elementi power a corredo.
Il tutto e' suonato a modo senza una iper produzione cosi' tipica di questi tempi e del genere in questione, mentre gli assoli taglienti e ben strutturati danno quella variante ai brani che si susseguono bene o male sulla stessa falsariga per tutto il disco. Non ci sono cambi di passo, il disco vuol essere dall'inizio alla fine nelle intenzioni e nelle lyrics una crudele cavalcata metal, sparata a mille

Recensione

Endless

ALESSANDRO SPARACIA - Endless

(2019 - Volcano Records & Promotion)

voto:

Alessandro Sparacia è un polistrumentista e compositore italiano, principalmente influenzato dall'hard rock e dal metal, Alessandro da sempre si cimenta anche in progetti con sonorità apparentemente più distanti, lasciandosi contaminare da generi quali il punk hardcore, il soul, il reggae e la musica classica, solo per citarne alcuni.

Si parte con 'Vibration', un bel piano introduttivo apre belle atmosfere progressive, la parte finale mi è piaciuta molto, sopratutto per la creazione di parti melodiche leggermente dissonanti.

Recensione

Rituals

TYGERS OF PAN TANG - Rituals

(2019 - Mighty Music)

voto:

Si scrive Tygers of Pan Tang ma si legge STORIA DELLA NWOBHM.
Quanti di noi metallers abbiamo goduto all'ascolto di perle di rara bellezza come il debutto "Wild Cat" o come il capolavoro "Spellbound"?

Tantissimi picchi qualitativi e rarissimi passi falsi (se si possosno chiamare cosi') per una band leggendaria che, nel tempo, è sempre riuscita nell'impresa di non autocitarsi facendo risutare il proprio sound classico sempre attuale e per nulla scontato.

Recensione

Be The Change (Or Whatever)

BOBSON DUGNUTT - Be The Change (Or Whatever)

(2019 - Indelirium Records)

voto:

Siete amanti dell'hardcore oltraggioso, grezzo e incazzato? Perfetto, questo gruppo tedesco/emiliano è quello che fa per voi! Ep d'esordio dunque per i Bobson Dugnutt, sei brani che sono altrettante fiammate distruttive create in un subdolo inconscio hardcore/thrash!

Il quartetto scatena la sua ira contro società e costume, sveglia le coscienze e irradia geometrie di indicibile potenza, quello che uno cerca in band del genere. Da 'The Clock' a 'Same Old Story' tuttli stilemi che il genere comporta sono presenti, la produzione è buona, i rchiami a Sick Of It All, Refused, Pantera, Raw Power e Lamb Of God, sono presenti senza invadere il campo. 

Recensione

Some Of Those Memories

ET SIGNVM ERAT - Some Of Those Memories

(2019 - Autoprodotto)

voto:

L'instancabile Bruno Masulli (In Aevum Agere, Annihilationmancer, I Miti Eterni, Power Beyond) ci propone la sua ennesima band: Et Signvm Erat. Progetto nato all'inizio della seconda decade del nuovo millennio e poi arenatosi per mancanza di elementi a supporto. Visto l'andazzo il buon Bruno ha pensato bene di fare tutto in proprio e ci propone questo Ep d'esordio composto da 3 brani di nuova composizione e uno datato 2010.

Recensione

Luci Rosse

MADBEAT - Luci Rosse

(2019 - Do It Yourself Records/Artist First / IndieBox Music)

voto:

I Madbeat sono un quartetto piemontese formatosi nel 2013 con all'attivo un album uscito nel 2015 dal titolo 'Ancora Domani', lo spazio musicale nel quale si pongono è quello del punk, un punk ancora dedito a criticare la società e a raccontare storie di strada, insomma alla vecchia maniera con suoni a tratti melodici, a tratti molto duri.

Ho fatto scorrere questo 'Luci Rosse' decine di volte nel mio player e più lo ascoltavo e più mi piaceva, quindi fossi in voi un ascolto glielo darei e se avrete le mie stesse sensazioni/emozioni, lo comprerei.

Counter

  • Site Counter: 2,346,209
  • Visitatori Unici: 132,429
  • Published Nodes: 6,158
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed