Prossimi Eventi

Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 2 visitatori collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    BLACK HOLE
    Evil in The Dark
  • Copertina
    MARYGOLD
    One Light Year
  • Copertina
    LILYUM
    Altar of Fear
  • Copertina
    BUIOMEGA
    Decay
  • Copertina
    STRAY BULLETS
    Shut Up
  • Copertina
    DEVIL WITHIN
    Not Yet
Copertina
BLACK HOLE
Evil in The Dark
Copertina
MARYGOLD
One Light Year
Copertina
LILYUM
Altar of Fear
Copertina
BUIOMEGA
Decay
Copertina
STRAY BULLETS
Shut Up
Copertina
DEVIL WITHIN
Not Yet

 DigUp

 

Recensione

The Cult of Necrodeath

AA.VV. - The Cult of Necrodeath

(2017 - Black Tears records/Kult of Cthulhu)

voto:

"Necrodeath? Fucking extreme black metal! You Italians should be proud because they are one of the best extreme groups ever! "

[Necrodeath? Fottuto black metal estremo! Voi italiani dovreste esserne fieri, perché sono uno dei migliori gruppi estremi di sempre!]

Recensione

Claiming Supremacy

GAME OVER - Claiming Supremacy

(2017 - Scarlet Records)

voto:

Bentornati amici e amiche dalla fulgida chioma, oggi è il turno dei Game Over di ricevere una recensione, e a proposito di fulgide chiome, questi ragazzi vi faranno “scapocciare” parecchio.

'Claiming Supremacy', questo è il titolo dell'album della band, è niente di meno che un manifesto al thrash metal degli anni '80. Senza perdermi in particolari giri di parole o fronzoli linguistici vi dico che i Game Over sono venuti per picchiare. Picchiare forte.

Recensione

The Conscious Machine

AETERNAL - The Conscious Machine

(2017 - Autoprodotto)

voto:

Molto difficile recensire questo lavoro di esordio degli Aeternal.
La band, formatasi nel 2003, dopo varie vicissitudini si riassembla nel 2013 e dopo 4 anni riesce a dare vita con i superstiti Carmine Filizzola e Alessandro Chiappetta al primo lavoro autoprodotto, un concept album dal titolo 'The Conscious Machine'.

Recensione

The Red Room

5 STAR GRAVE - The Red Room

(2017 - Sliptrick Records)

voto:

Dieci tracce di sano horror punk e non solo per questi 5StarGrave, dieci tracce che spaccano veramente, suoni compatti, coesione di band, freschezza sonora e compositiva anche se i riferimenti sono tanti. Un valore aggiunto la voce al vetriolo di Claudio Ravinale che si erge a protagonista pezzo dopo pezzo.

Le band che più si accostano sono Murderdolls, Wednesday13 e perchè no gli Hardcore Superstar, va detto però che i ragazzi di Cuneo hanno una propria spiccata personalità che se portata sul palco ne fa sicuramente unp dei migliori act italiani del momento.

Recensione

Mastermind Tyranny

ETERNAL SILENCE - Mastermind Tyranny

(2017 - Sliptrick Records)

voto:

Tornano a far parlare di sé i lombardi Eternal Silence, che con questo ‘Mastermind Tyranny’ giungono al terzo full length. Rilasciato sotto Sliptrick Records, il disco, forte di dieci tracce, porta avanti le sonorità sinfoniche con vaghi richiami al gothic tanto care alla band.

Recensione

The Hellish Days-The Complete Demo Recordings 1981/1988

FINGERNAILS - The Hellish Days-The Complete Demo Recordings 1981/1988

(2017 - Blasphemous Art Records)

voto:

Definire gigantesca questa operazione non è un'esagerazione. Infatti in due cd vengono condensati i demo ormai introvabili dei romani Fingernails, band alla quale come ormai sanno anche i sassi sono profondamente legato. Per me che conservo gelosamente 3 di quelle storiche demo è un'autentica manna dal cielo perchè ormai le mie musicassette sono inascoltabili. Per chi invece è giovane un occasione più unica che rara di riappropiarsi di canzoni ormai introvabili in versione originale.

Recensione

Airbound

AIRBOUND - Airbound

(2017 - Art Of Melody Music /Burning Minds Music Group)

voto:

Sembrano usciti direttamente dagli anni 80 gli Airbound, quintetto milanese tutto improntato ad un melodic rock/aor che raramente si può apprezzare appieno in Italia.

Gli Airbound chiariscono subito quali sono le band di riferimento con il primo pezzo “Have A Good Time”, brano dal quale traspaiono netti i riferimenti ai Journey, ed è il pezzo stesso che ricorda vagamente uno dei loro pezzi più famosi (e belli) “Be Good To Yourself”.

Recensione

Last Day Of Light

BURNING GROUND - Last Day Of Light

(2017 - Minotauro Records)

voto:

Dalla bellissima ed incantevole Sardegna, fattispecie dalla città di Cagliari  finalmente i Burning Ground esordiscono sul mercato discografico  con il loro debut ufficiale “Last Day Of Light”.  La band attivissima dall’ormai lontano 2002 si è fatta conoscere per il loro Heavy- Power metal con forti influenze Thrash. In effetti se si vuole fare un paragone, rimembrano sonorità tipicamente US Power Metal o alle volte band heavy come gli Iced Earth, con potenti riff e sonorità corpose che non lasciano scampo all’ascoltatore.

Recensione

The New Chapter

UNREAL TERROR - The New Chapter

(2017 - Jolly Roger Records )

voto:

Con molta probabilità questa è la recensione più difficile in assoluto che io abbia mai fatto, il motivo è semplice: amo gli Unreal Terror dal lontano 1985, ho consumato 'Heavy & Dangerous' e 'Hard Incursion' e a 30 anni da quel gran disco mi sono ritrovato a scriverne la biografia grazie a Enio Nicolini, quindi potete capire quanto questo per me sia difficile.

Recensione

The Dark Fairytale

HELL DONE - The Dark Fairytale

(2017 - Autoprodotto)

voto:

Gli Hell Done sono una storica band bolognese, nata nel 1998 da un'idea di Simone Lanzoni (chitarra), Diego Molina (batteria) e Andrea Sangermano (basso) che per varie ragioni non era riuscita ad andare oltre la pubblicazione di un demo e di un EP nel lontano 2003.

Counter

  • Site Counter: 1,713,867
  • Visitatori Unici: 104,811
  • Published Nodes: 5,697
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed

 

 

Succede su facebook

Consigliati da Facebook