Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 1 visitatore collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    WATER CRISIS
    Sleeping Sickness
  • Copertina
    ORPHAN SKIN DISEASES
    Dreamy Reflections
  • Copertina
    DESOUNDER
    Desounder
  • Copertina
    EVERSIN
    Armageddon Genesi
  • Copertina
    FORMALIST
    No One Will Shine Anymore
  • Copertina
    KANSEIL
    Fulìsche
Copertina
WATER CRISIS
Sleeping Sickness
Copertina
ORPHAN SKIN DISEASES
Dreamy Reflections
Copertina
DESOUNDER
Desounder
Copertina
EVERSIN
Armageddon Genesi
Copertina
FORMALIST
No One Will Shine Anymore
Copertina
KANSEIL
Fulìsche

Recensione

In Absence

CORAM LETHE - In Absence

(2018 - Buil2Kill Records)

voto:

Direttamente dalle terre senesi i deathster Coram Lethe sfornano il loro quinto sigillo discografico dopo ben 6 anni dall'ultimo “Heterodox”. Per chi ancora non conosce questo progetto i Coram Lethe sono attivi dal lontano 1999 sulla scena nostrana, la prima line up ufficiale vede Leonardo Fusi come chitarrista, Mirco Borghini alla voce e Francesco Miatto alla batteria. Il loro death metal ha influenze old school dal retrogusto Stoner e dalla forte componente prog.

Recensione

All Things Lost On Earth

LENORE S. FINGERS - All Things Lost On Earth

(2018 - My Kingdom Music)

voto:

Il gothic decadente proposto dai LENORE S. FINGERS è a dir poco emozionale, da tempo un disco così bello non mi prendeva l'anima!

Ma procediamo con ordine.

Anzitutto la produzione è splendida, le sonorità decadenti ma mai banali, un songwriting di prim'ordine e la sapiente collaborazione di Anna Murphy (ex Eluveitie) alle tastiere lo rende un lavoro veramente splendido.

Apre l'album 'My Name Is Snow' , e mette subito in chiaro che si parla di gothic melanconico di un certo spessore, corredato da alternanze di atmosfere acustiche ed elettriche, con una voce soft che rimane nella mente.

Intervista

Era Of Disgust

In quanto partner dello Sbamfest, di cui abbiamo già intervistato gli organizzatori, andiamo a dare spazio alle band che ne calcheranno il palco! Chiudiamo la nostra serie di interviste con gli Era Of Disgust.

 

Intervista

Scala Mercalli

In quanto partner dello Sbamfest, di cui abbiamo già intervistato gli organizzatori, andiamo a dare spazio alle band che ne calcheranno il palco! Quest'oggi ospitiamo gli Scala Mercalli.

 

Intervista

Decline The Fall

In quanto partner dello Sbamfest, di cui abbiamo già intervistato gli organizzatori, andiamo a dare spazio alle band che ne calcheranno il palco! Oggi facciamo un'eccezione alla nostra politica Italy only e parliamo con i maltesi Decline The Fall.

 

Recensione

Undercover 1

PARRIS HYDE - Undercover 1

(2018 - Freemood)

voto:

Il nuovo lavoro dei Parris Hyde “Undercover I” nasce come lavoro “transitorio”, in attesa del nuovo album, ed è un concentrato di sei pezzi, di cui quattro cover di brani più o meno famosi, un brano inedito e la video version del singolo “2nd2no1”.

La prima cover “Living Next Door to Alice” ci riporta al rock britannico degli anni 70 degli Smokie, per l'occasione ritoccato con sonorità decisamente più forti e metal. Una versione decisamente irriconoscibile per chi conosce le sonorità della band originale, decisamente molto rock/pop e sognanti.

Intervista

Proliferhate

In quanto partner dello Sbamfest, di cui abbiamo già intervistato gli organizzatori, andiamo a dare spazio alle band che ne calcheranno il palco! Rispondono alle nostre domande i Proliferhate.

Intervista

Mars Era

In quanto partner dello Sbamfest, di cui abbiamo già intervistato gli organizzatori, andiamo a dare spazio alle band che ne calcheranno il palco! Parola ai Mars Era!

Intervista

Feronia

In quanto partner dello Sbamfest, di cui abbiamo già intervistato gli organizzatori, andiamo a dare spazio alle band che ne calcheranno il palco! E' il momento dei Feronia.

 

Recensione

Seasons Of Hatred

RUSTY NAILS - Seasons Of Hatred

(2018 - Sliptrick Records)

voto:

Disco molto interessante e di grande groove quello dei Rusty Nails; infatti la band toscana con "Seasons Of Hatred’ ci regala un ottimo album che con sapienza prende ispirazione dal migliore Metal americano degli anni 80 (Metal Church, Metallica in primis) riuscendo a creare dei brani di ottimo livello ma soprattuto personali.

Ogni singola traccia è pervasa da atmosere metalliche di grande livello e il merito va anche dato alla qualità dell'intera registrazione e masterizzazione. Compiti fondamentali che sono stati affidati al Redwall Studios di Livorno (Nik Capitini) e al 16th Cellar Studios di Roma (Stefano Morabito).

Counter

  • Site Counter: 1,751,463
  • Visitatori Unici: 112,680
  • Published Nodes: 5,794
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed