Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 1 visitatore collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    MARY MALLON'S
    Geneal Disease
  • Copertina
    SUN OF THE SUNS
    Tiit
  • Copertina
    ALBERTO RIGONI
    Metal Addicted
  • Copertina
    SPIRITUAL DECEPTION
    Oxymoron
  • Copertina
    DEKA'DԐNTSA
    Universo 25
  • Copertina
    BULL BRIGADE
    Il Fuoco Non Si E' Spento
Copertina
MARY MALLON'S
Geneal Disease
Copertina
SUN OF THE SUNS
Tiit
Copertina
ALBERTO RIGONI
Metal Addicted
Copertina
SPIRITUAL DECEPTION
Oxymoron
Copertina
DEKA'DԐNTSA
Universo 25
Copertina
BULL BRIGADE
Il Fuoco Non Si E' Spento
Articolo

REST IN PEACE

 

Ci ha lasciato una delle più grandi voci del metal.

Grazie Ronnie per tutto quello che ci hai dato.

Ti ricorderemo per sempre e ti salutiamo con il gesto che tu ci hai insegnato.

Valeria Gnarini

 

Tutta la redazione di IdM colpita da questa terribile notizia, esprime le sue più sentite condoglianze alla famiglia.

Recensione

Bloody Tears

IN THIS PAIN - Bloody Tears

(2010 - Autoprodotto)

voto: 7/10

Gli In This Pain provengono dalle zone al confine estremo tra la Toscana e la Liguria, a cavallo tra Massa Carrara e La Spezia, e propongono un genere abbastanza particolare, segnato da molteplici influenze. La caratteristica principale del sound è una voce femminile molto melodica e pacata, spesso echeggiante sonorità gothic, che va a duettare con elementi sinfonici e giochi di tastiera, andando così a costituire un perno intorno a cui ruota il tutto. Il background strumentale è invece di derivazione strettamente metal, ed attinge a piene mani sia dalla tradizione heavy più classica che dalle sue derivazioni estreme, quali un certo tipo di post-black.

Recensione

The Legend of a Prince

GABRIELS - The Legend of a Prince

(2009 - Autoprodotto)

voto: 4/10

Album dal sapore “Aladiniano” per il one man band siciliano Gabriels. La prima cosa che salta all’orecchio “schiacciando il tasto play” è la registrazione non eccelsa, che impedisce di distinguere bene i suoni, altra nota dolente di questo full leght. Perfino le chitarre sembrano sintetizzate (e non parlo di guitar synth ma del programma “Slayer” se conoscete…), tutto è secondo me fin troppo artefatto (forse complice una produzione low budget, anche se col computer ai tempi d’oggi…) e prolisso. Il buon Gabriels ha qualche bella intuizione, che però non basta a risollevare le sorti di un album che non rende piena giustizia alle molteplici attività in campo musicale in cui egli si cimenta.

Live Report

Buffalo Grillz Grind Canyon Release Party

12 Maggio 2010

Circolo degli Artisti

Fanno le cose in grande i Buffalo Grillz per presentare il loro primo cd, invitano altre cinque bands per una serata gratis di sano e puro metal estremo, se si esclude la presenze dei doomsters DoomRaiser tutto il resto svaria tra grind e death. Questo mio report riguarderà gli stessi Buffalo Grillz, di cui a breve leggerete anche la recensione di "Grind Canyon", e gli TSUBO non conoscendo a fondo le altre band. Comunque l'inizio in una sera piovosa che definirei autunnale più che primaverile è per gli Estribe, ai quali seguiranno i Dr.

DSC05405 DSC05407 DSC05409 DSC05410
Recensione

There's No Escape

MAGHANAT - There's No Escape

(2010 - Autoprodotto)

voto: 7/10

A quanto scritto nella biografia i Maghanat, band thrash-death siciliana, nacquero nel 1324 ma fanno metal solo dal 1652. Quello che è successo in quei 328 anni non ci è dato saperlo. Quello che sappiamo, invece, e che vi riportiamo, è che il loro “There’s No Escape” è un demo di 4 tracce che, per certi versi, sembra essere uscito direttamente dagli anni 90. Lo stile è un thrash metal roccioso (leggasi Metallica d’annata e Kreator) in cui confluisce una venatura tipica del death metal americano degli anni che furono.

Recensione

Skull Daze

SKULL DAZE - Skull Daze

(2010 - Street Symphonies Records)

voto: 7.5/10

Sarà l'atmosfera purple in copertina, sarà che già dal nome si capiscono tante cose di una band... fatto sta che questa recensione ha conciliato il dovere (scrivere appunto la recensione) con un grande piacere (ascoltare il cd). Il lavoro della band romana degli Skull Daze promette grinta fin dall'inizio.
"Back to Hell" è un'opening track potente e dura, con suoni a tratti più heavy che hard rock. E forse un pò in contrasto con la voce del gruppo (Johnny Rainbow) più marcatamente glam metal.

Intervista

Darksky

Eccoci qua con i milanesi Darksky, da poco fuori col loro nuovo album già recensito da Italia di Metallo!

 

IdM: La Vostra band nasce nel 1997, come si è evoluta artisticamente in questi anni?

darksky
Recensione

A Light Arises

SIGHT OF ETERNITY - A Light Arises

(2010 - Autoprodotto)

voto: 7/10

I Sight of Eternity si sono presentati scrivendomi :

"Sappiamo bene che sono presenti alcuni errori nell'esezuzione dei pezzi dati da un tempo a disposizione breve
derivante da un budget limitato essendo tutti i componenti sui 16-17 anni. Potrà suonare come un tentativo di attenuare vostri ipotetici giudizi negativi al riguardo ma obiettivamente il demo non rispecchia le nostre totali potenzialità."

Leggo questa loro nota mentre mi accingo ad ascoltare il loro demo ... e sinceramente l'unica cosa che mi viene da pensare è: l'avessi avuta io una demo così a 16-17 anni adesso probabilmente sarei come minimo al Gods of Metal !

Live Report

XYZ + Pleasure Addiction + Pollution + Snakebite + Viper

08 Maggio 2010

Kikapoo-Tuoro sul Trasimeno (PG)

Per l'ultima data della stagione invernale la Bologna Rock City offre una serata di buon livello con gli americani XYZ per la prima volta a calcare i palchi italiani, la location scelta è a Tuoro sul Trasimeno (PG), il vostro fedele cronista immagina un locale al chiuso e si presenta con sola felpa, logicamente di IdM, invece a sorpresa (mia) , il locale è un pub all'aperto nella campagna del Trasimeno, di per sè già umida, e in questa pazza primavera mi trovo praticamente a congelarmi, fortuna è che le band di supporto e gli stessi XYZ aiuteranno a riscaldare l'ambiente!

DSC05368 DSC05369 DSC05370 DSC05371
Recensione

Winternacht

VEIRG - Winternacht

(2009 - Autoproduzione)

voto: 5.5/10

Ed eccoci arrivati, infine, alla fine del viaggio nel mondo di Veirg, One Man Band barese che in nove mesi, nell'Anno Domini 2009, ha partorito ben quattro dischi. Winternacht è, per l'appunto, il quarto disco che l'artista pugliese ha tirato fuori, rigorosamente autoprodotto (in tutti i sensi) come i precedenti dischi.

Counter

  • Site Counter: 2,867,592
  • Visitatori Unici: 156,111
  • Published Nodes: 8,192
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed