Prossimi Eventi

Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.

Più visti oggi

Ultime Recensioni

  • Copertina
    SOMAN
    World on Fire
  • Copertina
    CLOSER
    My Last Day
  • Copertina
    LOREWEAVER
    Italic
  • Copertina
    DIAMANTE
    Ad Vitam Reditus
  • Copertina
    STONE CIRCLES FUZZ ORCHESTRA
    Stone Circles Fuzz Orchestra
  • Copertina
    NARCOSYNTH
    The F1rst Fist
Copertina
SOMAN
World on Fire
Copertina
CLOSER
My Last Day
Copertina
LOREWEAVER
Italic
Copertina
DIAMANTE
Ad Vitam Reditus
Copertina
STONE CIRCLES FUZZ ORCHESTRA
Stone Circles Fuzz Orchestra
Copertina
NARCOSYNTH
The F1rst Fist

 DigUp

Image and video hosting by TinyPic

DigUp


News

ITALIA DI METALLO FESTIVAL: intervista a Klaus Petrovic

Immagine riferita alla notizia

Intervista a cura di Mariano Fontaine, per gentile concessione dello stesso e pubblicata già su la webzine Metal Corrosion

 

Allora Klaus, dovremmo farci questa intervista principalmente per presentare ai lettori il secondo Festival di Italia di Metallo. Sappiamo che non sarà così per le tante attività che fai nel campo musicale. Comunque sia, vai a ruota libera con la presentazione dell’evento…

Sondaggio

Miglior album italiano del 2014: la parola ai lettori

Recensione

World on Fire

SOMAN - World on Fire

(2014 - Buil2kill Records)

voto: 6.5/10

I genovesi Soman dopo un demo e relativi assestamenti di line up, presentano oggi questo 'World on Fire' dalle sonorità death metal ma con tematiche e strutture sonore più moderne, che fanno oscillare il sound in un mix tra Carcass e Misery Index ed una spruzzata moderna in stile Fear Factory e Black Dahlia Murder.

Gli 11 pezzi di questo 'World on Fire', si muovono sempre in bilico tra death metal classico e death core, senza mai sfociare pienamente nell'uno o nell'altro ma facendo convivere il proprio sound, le partiture di base sono fedeli alla vecchia scuola, ma l'uso di effetti ed aperture moderne ed a tratti melodiche fanno risultare il tutto mai prevedibile.

Recensione

My Last Day

CLOSER - My Last Day

(2014 - Autoprodotto)

voto: 7.5/10

Marco Vantini, dopo aver vissuto per 2 anni a Londra, decide di tornare a Verona e formare i Closer. La band inizia l’avventura nel 2011 che, oltre a Marco alla voce e alla chitarra ritmica, vede: Danilo Di Michele alla batteria, Andrea Bonomo alla chitarra solista e Nicola Peterle al basso. 

Dopo aver pubblicato, nel 2012, il singolo "Everytime I close my eyes" registrato un duetto con Gianluca Perotti (Extrema) e varie apparizioni live, i Closer entrano in studio ad inizio 2014 per incidere il loro primo full-length., prodotto e mixato nei RockHour Studios di S.Bonifacio (VR). 

Recensione

Italic

LOREWEAVER - Italic

(2014 - Musea Records)

voto: 9/10

Quando si parla di Progressive, spesso si corre il rischio di trovarsi di fronte a lavori che di "Prog" hanno veramente poco.

Non è decisamente il caso di Loreweaver, una band tutta italiana, proveniente dalla provincia di Alessandria, che al suo secondo album si presenta con le idee chiare, un background di tutto rispetto e una formazione di gente che sa il fatto suo.

"Italic" è un ottimo disco di prog moderno, ben scritto, ben arrangiato, ottimamente bilanciato nelle sue diverse influenze e nell'apporto compositivo delle singole parti.

Recensione

Ad Vitam Reditus

DIAMANTE - Ad Vitam Reditus

(2014 - Atomic Stuff)

voto: 7.5/10

Terzo lavoro per i bresciani Diamante, band attiva dal 1994 e autrice di un sound hard rock prog riconducibile a band storiche quali Deep Purple, Uriah Heep, Gentle Giant o Locanda Delle Fate, Area, Biglietto Per L'Inferno e via a seguire.. Spesso nei live infatti propongono cover provenienti dagli anni '70 insieme ai propri brani.

Recensione

Stone Circles Fuzz Orchestra

STONE CIRCLES FUZZ ORCHESTRA - Stone Circles Fuzz Orchestra

(2014 - Autoproduzione)

voto: 6.5/10

Come già accaduto in precedenza, alcune tribute band di artisti celebri si sono trasformate in complessi veri e propri; infatti come spesso succede il musicista, giustamente, dopo aver provato alcune soluzioni cerca di crearsi un proprio spazio artistico per potersi esprimere liberamente. Questo è il caso dei fiorentini Stone Circles Fuzz Orchestra, i quali sono nati inizialmente come un gruppo tributo ai Pearl Jam nel 2013. Dopo un annetto i nostri ci presentano il loro primo EP.

Recensione

The F1rst Fist

NARCOSYNTH - The F1rst Fist

(2014 - Autoprodotto)

voto: 6.5/10

Potenza e impatto, sono le due parole che vengono in mente ascoltando il primo ep dei Narcosynth , band molisana formatasi nel 2011 da musicisti ben motivati, provenienti dalla stessa ideologia metal "bay area" con esperienze musicali pregresse nell'ambito. Dopo diverse esibizioni live, fra cui da evidenziare la partecipazione nel giugno scorso al Metal Circus Summer in apertura a band quali Cadaveria, Master e Destruction,  nasce il primo ep autoprodotto, "The F1rst Fist" che è un bel pugno sul muso per tutti quelli che avranno la possibilità e la volontà di ascoltarlo.

Recensione

Whispers From The World

FLASH BEFORE MY EYES - Whispers From The World

(2014 - Myo Agency)

voto: 7/10

I Flash Before My Eyes sono una band romana nata nel 2009 dall’incontro di Lorenzo (batteria) e Giorgio (voce).
La band comincia a scrivere pezzi e a calcare i palchi romani assieme ad altre band del calibro di Texas In July, A Plea For Purging e Arsonists Get All The Girls. Nel 2012 dopo una pausa e dei cambi di line-up decidono di rimettersi al lavoro, ed oggi eccoli giungere al loro album d’esordio intitolato “Whispers From The World”. 

Recensione

VeraEuridice

VERAEURIDICE - VeraEuridice

(2014 - Spb Productions)

voto: 8/10

"VeraEuridice" è un concept-album pubblicato nella prima metà del 2014 che ruota attorno ad una reinterpretazione del mito greco di Orfeo ed Euridice. Nell'EP in questione non è l'amore a dominare le azioni degli eroi ellenici, ma è anzi declassato a strumento tramite il quale una sadica Euridice tortura il suo "amato" musico. Se nella versione classica del mito l'amore di Orfeo è pienamente corrisposto dalla fanciulla che viene strappata alle sue braccia poco prima delle nozze forzando Orfeo a seguirla letteralmente all'inferno, la storia narrata dai solchi di questo CD è ben diversa.

Counter

  • Site Counter: 1,078,634
  • Visitatori Unici: 64,291
  • Published Nodes: 4,370
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Ultimo Sondaggio

Miglior album italiano del 2014: la parola ai lettori:

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed

 

 

Succede su facebook

Consigliati da Facebook