Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    WALKYRYA
    The Invisible Guest
  • Copertina
    NEMESIS INFERI
    A Bad Mess
  • Copertina
    PUNITION BABEK
    Come To Die
  • Copertina
    ENIO NICOLINI
    Heavy Sharing live Vinile Release (DVD)
  • Copertina
    A FOREST MIGHTY BLACK
    Chemical Physical
  • Copertina
    SOFISTICATOR
    At Whores With Satan
Copertina
WALKYRYA
The Invisible Guest
Copertina
NEMESIS INFERI
A Bad Mess
Copertina
PUNITION BABEK
Come To Die
Copertina
ENIO NICOLINI
Heavy Sharing live Vinile Release (DVD)
Copertina
A FOREST MIGHTY BLACK
Chemical Physical
Copertina
SOFISTICATOR
At Whores With Satan

Articolo

Avviso Importante: nuova politica redazionale

Rendiamo pubblico che a partire da adesso non verranno più recensiti cd di gruppi/etichette che non alleghino un unico presskit composto da biografia, copertina, brani e tutte le informazioni necessarie, come altresì non si fanno recensioni in streaming. Causa anche flusso imponente di materiale in arrivo non sarà più assicurata la recensione, ma solo a discrezione della redazione, questo fino a che non avremo ristrutturato il nostro organico. Rimane invariato il precedente comunicato qui sotto redatto:

Da settembre cambia un po' la politica editoriale di Italia di Metallo, questo è dovuto a vari fattori:

  1. la mancanza di redattori competenti per i generi che poi elencheremo

Recensione

The Invisible Guest

WALKYRYA - The Invisible Guest

(2018 - TimeToKill Records)

voto:

Avevamo lasciato i Walkyrya cinque anni fa alle prese con un Heavy Metal piuttosto datato e dei videoclip capaci di reinventare il concetto di grottesco. 

Recensione

A Bad Mess

NEMESIS INFERI - A Bad Mess

(2018 - Fuel Records/ Self distribuzioni )

voto:

Nuova uscita per i ragazzi bergamaschi, che dopo 3 anni dalle fatiche di “Natural Selection” si abbandonano al groove metal dopo un inizio di carriera prettamente improntato sul black metal sinfonico.
Il disco e' prodotto da Jaime Gomez Arellano (Paradise Lost, Ghost, Cathedral), che indovina subito il mix sonoro, facendo uscire i ragazzi con una botta allucinante a livello strumentale che forse vanno un po' a pagare in termine di espressione vocale che risulta in alcuni momenti essere quasi soffocata dagli strumenti e non esce come dovrebbe.

Recensione

Come To Die

PUNITION BABEK - Come To Die

(2018 - MASD Records)

voto:

A cinque anni di distanza dall'ottimo debut album 'The Prisoner Within' tornano a spaccarci i timpani i metal-thrasher toscani Punition Babek. Dall'autoproduzione al passaggio su etichetta (la ormai super attiva MASD Records) il passo non è evidentemente stato breve e il quintetto ha preferito affinare le proprie doti in sede live che dare alle stampe un nuovo lavoro in tempi brevi.

Recensione

Heavy Sharing live Vinile Release (DVD)

ENIO NICOLINI - Heavy Sharing live Vinile Release (DVD)

(2018 - Autoprodotto/Ace Records)

voto:

Era il 22 aprile del 2017 quando Enio Nicolini (Unreal Terror) presento' la versione vinile del suo album 'Heavy Sharing' al Circus Club di Scandicci (FI). A distanza di poco più di un anno esce in edizione limitata a 50 copie, il Dvd di quella serata magica.

Recensione

Chemical Physical

A FOREST MIGHTY BLACK - Chemical Physical

(2018 - Go Down Records)

voto:

Chitarre stonereggianti, un suono bello pieno, atmosfere 90's  tra rock e grunge, questo è l'introduzione al debut dei A Forest Mighty Black.

'Man Down' mette subito in chiaro il songwriting della band, che strizza l'occhio alle band di Seattle degli anni 90, dall'incedere grunge, refrain ben strutturato nella sua semplicità.

Si procede spediti con la successiva 'Beanpole'  con chitarre grezze e dirette che caratterizzano tutto il brano, bella la voce e una buona sezione ritmica che scandisce il tempo del brano stesso.

Recensione

At Whores With Satan

SOFISTICATOR - At Whores With Satan

(2018 - EBM Records)

voto:

C'è chi ha assurto la birra e le tematiche derivate dal suo uso, consumo ed abuso come musa ispiratrice ed in questo i tedeschi (chi se non loro) Tankard (ma ultimamente anche i toscani Tossic) sono maestri nel miscellare ironia e musica; non mancano variazioni sul tema (vedi Ozzy Osbourne ed il suo "wine is fine") e sottolineature sugli aspetti benefici della prodigiosa bevanda e fonte di verità tale è la sua forza disinibitrice; c'è chi ha portato avanti la pesantezza dell'incudine come proprio verbo (i canadesi Anvil su tutti); chi infine, in generale, ha narrato vicende legate alla triade esistenzialistica sex, drugs and Rock and Roll e ci ha costruito sopra la propria fortuna oppure ne è st

Recensione

Times Of Anger

CHARLOTTE IN CAGE - Times Of Anger

(2018 - SLIPTRICK RECORDS)

voto:

Sulla loro pagina Facebook si definiscono come genere Metal, ma, a parte qualche sconfinamento momentaneo in passaggi più duri in termini di ritmica (si senta per esempio "13 Years Old"), ribadisco rimangono accenni, parentesi, sospensioni da quello che è il quadro più generale. Il contesto musicale in genere mi rimanda agli anni della mia adolescenza durante i quali, oltre al buon vecchio metallo, avevo degli sconfinamenti verso territori musicali che per me all'epoca risultavano oscuri, macabri e spesso dissonanti.

Recensione

After The Storm (That Never Came)

DISEASE ILLUSION - After The Storm (That Never Came)

(2018 - Buil2kill Records)

voto:

I Disease Illusion sono una band dedita ad un bellissimo Death metal melodico, al loro secondo album ''After The Storm (That Never Came)'', si presentano in grandissima forma con un songwriting di assoluto valore.

Si parte con 'For Hell Is Empty' l'intro è spaziale da quanto è bello, la struttura del brano è funzionale al cantato con apertura melodiche  molto convincenti, il grande arrangiamento sul finale mi è piaciuto tantissimo.

Recensione

Four of a Kind

4 GOBLIN - Four of a Kind

(2015 - BackToTheFudda/Black widow Records)

voto:

Dopo vari scioglimenti e riproposizioni di quella storica creatuta chiamata Goblin, nel 2015 riappare la formazione per almeno 4/5 dei membri originali; infatti troviamo Massimo Morante alle chitarre, Fabio Pignatelli al basso, Agostino Marangolo alla batteria e Maurizio Guarini alle tastiere. Tutti tranne Claudio Simonetti impegnato nei Claudio Simonetti's Goblin.

Counter

  • Site Counter: 1,817,195
  • Visitatori Unici: 114,774
  • Published Nodes: 5,804
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed