Contattaci

Per segnalare concerti o richiederci una recensione delle vostre band, scriveteci compilando il modulo in  questa pagina

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 3 visitatori collegati.

Ultime Recensioni

  • Copertina
    WATER CRISIS
    Sleeping Sickness
  • Copertina
    ORPHAN SKIN DISEASES
    Dreamy Reflections
  • Copertina
    DESOUNDER
    Desounder
  • Copertina
    EVERSIN
    Armageddon Genesi
  • Copertina
    FORMALIST
    No One Will Shine Anymore
  • Copertina
    KANSEIL
    Fulìsche
Copertina
WATER CRISIS
Sleeping Sickness
Copertina
ORPHAN SKIN DISEASES
Dreamy Reflections
Copertina
DESOUNDER
Desounder
Copertina
EVERSIN
Armageddon Genesi
Copertina
FORMALIST
No One Will Shine Anymore
Copertina
KANSEIL
Fulìsche

Articolo

Avviso Importante: nuova politica redazionale

Rendiamo pubblico che a partire da adesso non verranno più recensiti cd di gruppi/etichette che non alleghino un unico presskit composto da biografia, copertina, brani e tutte le informazioni necessarie, come altresì non si fanno recensioni in streaming. Causa anche flusso imponente di materiale in arrivo non sarà più assicurata la recensione, ma solo a discrezione della redazione, questo fino a che non avremo ristrutturato il nostro organico. Rimane invariato il precedente comunicato qui sotto redatto:

Da settembre cambia un po' la politica editoriale di Italia di Metallo, questo è dovuto a vari fattori:

  1. la mancanza di redattori competenti per i generi che poi elencheremo

Recensione

Sleeping Sickness

WATER CRISIS - Sleeping Sickness

(2018 - Volcano Records & Promotion)

voto:

Un bell'arpeggio apre il lavoro dei Water Crisis, che mettono in chiaro subito il loro stoner con un bel riffone di altri tempi.

Scaldati i motori con l'introduttiva 'Check in' si parte con 'The Hostess Die Alone' bel brano dal ritmo costante che fa tornare in mente i seventies. Molto bella la voce, per contro la registrazione la trovo troppo improntata sulla stessa protagonista si nell'album, ma per certi versi troppo.

Recensione

Dreamy Reflections

ORPHAN SKIN DISEASES - Dreamy Reflections

(2018 - Logic Illogic)

voto:

Si definiscono alternative anche se secondo me il termine risulta stretto e molto riduttivo se applicato a questa band. Se per alternative metal ci riferiamo a quelle sonorità che vengono portate avanti o che sono state presentate da gruppi quali SOTD, Nevermore, Disturbed, allora possiamo dire che, sì, qualcosa in comune lo riscontriamo.

Recensione

Desounder

DESOUNDER - Desounder

(2018 - Andromeda Relix )

voto:

I veneti Desounder presentano come front woman questa giovin pulzella dalla voce pulita, candida, soave, cristallina, gentile, molto corretta nella forma, una di quelle voci che sembrano uscite da uno di quei programmi televisivi per futuri talenti.

Recensione

Armageddon Genesi

EVERSIN - Armageddon Genesi

(2018 - My Kingdom Muisc)

voto:

Giunti al loro quarto disco sotto l’ attuale monicker, gli Eversin proseguono il percorso evolutivo già intrapreso con le ultime due uscite, e consolidato in modo particolare in Trinity: The Annihilation, dove la band sfoggiava una padronanza da veterani sotto molti aspetti, dalla composizione alla produzione.

Recensione

No One Will Shine Anymore

FORMALIST - No One Will Shine Anymore

(2018 - Third-I-Rex)

voto:

La foto scelta come copertina di ‘No One Will Shine Anymore’ probabilmente l’avete già vista, come credo abbiate sentito parlare anche dei quattro ceffi che si celano dietro al nome Formalist, visto che non si tratta esattamente degli ultimi italiani arrivati a dare il proprio contributo a uno di quei rami di musica metal più estremi e, se vogliamo, disperati degli altri.

Recensione

Fulìsche

KANSEIL - Fulìsche

(2018 - RockShots Records)

voto:

Sono tanti gli elementi che immediatamente affascinano nelle canzoni dei Kanseil: la montagna, la foresta, la neve, il fuoco, la notte, la storia, il folklore, il dialetto, l’idea romantica di un passato ricostruito secondo le esigenze della modernità…

Ma spesso non sono sufficienti archetipi potenti, ingredienti e materie prime di alta qualità, per ottenere un grande risultato.

Recensione

Chronosfear

CHRONOSFEAR - Chronosfear

(2018 - Underground Symphony)

voto:

Power Metal tutto padano, questo. Band solo apparentemente “giovane”, i Chronosfear vedono la loro prima incarnazione già nel lontano 2003, con il moniker “Wings of Destiny” per volontà dell’onnipresente drummer Michele Olmi.

Recensione

Horror Department

HORROR DEPARTMENT - Horror Department

(2016 - The Spew Records)

voto:

L'ennesimo colpevole ritardo dovuto al troppo materiale presente in redazione vede stavolta protagonisti i lombardi Horror Department e il loro omonimo Ep uscito la bellezza di due anni fa. Il quartetto formato dai fratelli Simone e Matteo Rendina (Mortuary Drape, Horrid e Necroflesh) si muove su coordinate brutal death devote ai maestri del genere suddetto. Insieme a loro abbiamo Oliver Jaunch (Obscenity, Shellshock) alla voce e Nicolò Belloni al basso, successivamente sostituito da Edoardo Longo.

 

Recensione

Magnolia

MAZEBRAIN - Magnolia

(2018 - Autoprodotto)

voto:

I MazeBrain sono attivi dal 2008 e dopo dieci anni decidono di farsi conoscere ai più con questo EP composto di cinque pezzi. "Magnolia" racchiude il lavoro portato avanti dalla band, che pur subendo svariati cambi di formazione, è riuscita a rimanere in piedi e a produrre proficuamente sulle parti compositive. L'EP è composto da pezzi originari del periodo primo (2008/2010) e tracce più recenti che cercano di dare un indirizzo al percorso musicale intrapreso.

La scelta della voce al femminile colloca la band in quel campo di semina che è cresciuto al sole degli insegnamenti di una certa Amy Lee e allegra brigata, piacevole sicuramente ma mai impetuosa.

Counter

  • Site Counter: 1,751,488
  • Visitatori Unici: 112,687
  • Published Nodes: 5,794
  • Since: 2009-11-16 15:08:49

Seguici anche...

facebookMySpaceRSS Feed